Filastrocche

Filastrocche

Filastrocche
In archivio 893 filastrocche
  • Bambini chiudete gli occhietti


    Bambini chiudete gli occhietti
    che già la Befana cammina sui tetti!
    Cammina portando giocattoli e doni,
    ma guai se vi sente parlare!
    La vecchia borbotta,
    la fate scappare!
    Se invece vi vede dormire,
    pian piano le calze comincia a riempire
    e quando verrà l’indomani
    ohhh quanti di voi batteranno le mani!”

     
  • “31 dicembre


    Il vecchio anno
    è ormai sul finire,
    ha fatto fagotto
    e sta per partire.
    Lo sostituisce un anno bambino,
    nuovo di zecca e un po’ birichino.
    Tante giornate ancora da venire
    trecentosessanta cinque notti
    per poter dormire.
    Un anno carico
    di letizia o di dolore?
    Di tristezza, di gioia
    o di tanto amore?
    Lo sapremo solo l’anno...” (continua)
    (continua a leggere)
     
  • “Per fare Natale


    Per fare Natale
    Si prende una N
    come neve, neonato, notizia;
    poi si prende una A
    come attesa, arrivo, amore;
    poi si prende una T
    come tempo, trionfo, tesoro;
    poi si prende una L
    come luce, luna, letizia;
    poi si prende una E
    come entusiasmo, energia, euforia;
    poi si mettono insieme
    senza odio, senza guerra,
    senza fretta, senza...” (continua)
    (continua a leggere)
     
  • “Viva il mio papà



    Quando s’alza alla mattina
    lui già canta una canzoncina.
    Sempre allegro e contento
    va al lavoro con la pioggia e il vento.
    Lui è forte tanto assai
    che può sfidar un samurai.
    Però a sera, quando stanco a letto se ne va,
    son felice, son contento
    nessun altra cosa posso desiderar,
    solo abbracciato a lui mi voglio addormentar.”

     
  • “Vi ho mai raccontato di Lucilla?


    Vi ho mai raccontato di Lucilla?
    No?!!
    Allora devi proprio sentirla
    Lucilla aveva 6 anni quando vide la prima volta il mare.
    cosa ci andò a fare?
    Ma per imparare a nuotare
    anche se lei, non ci voleva provare.
    Un costume rosso gli avevano regalato,
    ma lei, non lo aveva ancora indossato.
    Quando arrivarono alla...” (continua)
    (continua a leggere)
     
  • “Un colore tutto mio


    Il pappagallo è verde
    E la sua piuma perde
    Il pesciolino è rosso
    Se vuoi diventa grosso
    L’elefantino è grigio
    Ed il suo nome è Gigio
    Il maialino è rosa
    All’ombra si riposa!
    Il bel camaleonte
    Invece è disperato
    Non ha un colore solo
    È triste e preoccupato!
    Se sta su di un limone
    Di giallo si colora
    Tra l’erica fiorita
    Si...” (continua)
    (continua a leggere)
     
  • Tanti occhiali


    Ma che bella montatura!
    E’ iniziata l’avventura,
    la stagione degli occhiali,
    rossi, blu, originali,
    che ti fanno così “fine”,
    che hanno i maschi e le bambine
    oramai sempre più spesso
    perchè d’obbligo qui è il nesso
    troppa è la televisione,
    il computer,
    e i “play d’azione”!

     
  • “Ritorna Natale


    Ritorna Natale col mondo in subbuglio
    si sogna la pace, ma è tutto un imbroglio!
    Si spendon miliardi per fare processi
    e vanno in galera i più buoni e i più fessi.
    Si cerca la neve sui monti a sciare,
    si scorda chi soffre e non ha da mangiare.
    Si spendon fortune per assurdi doni
    e l’albero è pieno di dolci e zamponi.
    Là nella...” (continua)
    (continua a leggere)
     
  • Natale nel mondo



    “Domani è un giorno di festa speciale:
    Da tanto atteso arriva il Natale!”
    Dice Giovanni, un bambino italiano
    Al fratellino ed entrambi pian piano
    S’alzan dal letto e in punta di piedi
    Vanno a sbirciare se dietro gli arredi
    Ci sia un regalo gigante o piccino
    Chiesto per lettera a Gesù Bambino.
    In Scandinavia è di scena la... (continua)
    (continua a leggere)
     
  • Hoplalà, il canguro



    Il canguro Hoplalà
    balzelloni andò in città
    e com’è, come non è,
    nella nebbia s’imbattè
    e si perse. Ma di botto
    si scontrò con un bassotto.
    “Ah, perbacco! ma non vedi”
    disse “dove metti i piedi?”
    “Non è questa una ragione
    per offender le persone.”
    Fece l’altro “caso mai,
    aiutiamoci nei guai
    così fu che Hoplalà
    ora gira la... (continua)
    (continua a leggere)