Le più belle frasi di Robert Louis Balfour Stevenson

Le più belle frasi di Robert Louis Balfour Stevenson

10 cit.
Il 23 maggio 1883 Robert Louis Stevenson pubblicava 'L'isola del tesoro', lettura obbligata durante gli anni di scuola. La figura del pirata nasce a tutti gli effetti qui e tutte le versioni successive, fino ad arrivare al Jack Sparrow dei giorni nostri, sono riconducibili a questo romanzo di formazione. Per l'occasione abbiamo raccolto per te le frasi più belle di Stevenson, leggile!

“Essere ciò che siamo, diventare ciò che siamo capaci di diventare, questo è il solo fine della vita.”

Robert Louis Balfour Stevenson

“C'è una sola differenza tra una lunga vita e una buona cena: nella cena i dolci vengono per ultimi.”

Robert Louis Balfour Stevenson

Dal libro: L'isola del tesoro

“Nulla ha da temere un marinaio che è morto compiendo il proprio dovere verso il capitano e verso l’armatore. Può non essere buona teologia, questa, ma è un fatto.”

Robert Louis Balfour Stevenson

Dal libro: Lo strano caso del dottor Jekyll e del signor Hyde

“La tentazione di fare ciò che è proibito proprio perché è proibito è la più grande delle tentazioni.”

Robert Louis Balfour Stevenson

“Un amico è un regalo che fai a te stesso.”

Robert Louis Balfour Stevenson

Dal libro: Elogio dell'ozio

“Non c'è dovere che sottovalutiamo di più del dovere di essere felici.”

Robert Louis Balfour Stevenson

“I santi sono peccatori che hanno continuato ad andare avanti.”

Robert Louis Balfour Stevenson

“Una fame di cose senza speranza bracca i nostri spiriti per tutta la vita.”

Robert Louis Balfour Stevenson

“Se i tuoi princìpi morali ti rendono triste, puoi essere certo che sono sbagliati.”

Robert Louis Balfour Stevenson

“Ho un'ottima memoria per dimenticare.”

Robert Louis Balfour Stevenson

Ti potrebbe interessare anche:
In evidenza