Frasi di “I soliti ignoti”

(1958)
Film I soliti ignoti
Mario Monicelli ha diretto questo film nel 1958
Titolo I soliti ignoti
Anno 1958
Regista Mario Monicelli
Genere Commedia, Crime
Acquistalo su
Trama – I protagonisti di questo film sono l'ex pugile Peppe, che apre un banco dei pegni; il fotografo disoccupato Tiberio; il ricettatore Mario; il siciliano Michele e l'ex fantino Capannelle. Nonostante i consigli del ladro in pensione Dante, il loro compito non è facile.
Tutti gli attori – Vittorio Gassman, Renato Salvatori, Memmo Carotenuto, Rossana Rory, Carla Gravina, Claudia Cardinale, Carlo Pisacane, Tiberio Murgia, Gina Rovere, Gina Amendola, Elvira Tonelli, Elena Fabrizi, Pasquale Misiano, Renato Terra, Aldo Trifiletti, Nino Marchetti, Mario De Simone, Marcello Mastroianni, Totò, , Edith Bruck, Franco Carli, Mario Feliciani, Ida Masetti, Mario Meniconi, Mimmo Poli, Lisa Romey, Amerigo Santarelli, Gustavo Serena, Roberto Spiombi
vedi tutti
  • “- Dante: Dunque un modo per aprirla è quello della dinamite. Sistema che usava il famoso fu Cimin.
    - Tiberio: Fu Chi Min? Chi è, un cinese?
    - Dante: Ma che cinese! Veneziano era! 'Fu' sarebbe che morì, Cimin è il cognome, no?! ”

    Totò - Dante Cruciani
    Marcello Mastroianni - Tiberio
     
  • “- Ferribotte: Sono sempre i più meglio che se ne vanno!
    - Dante Cruciani: È la vita, oggi a te domani a lui!”

    Tiberio Murgia - Ferribotte
    Totò - Dante Cruciani
    [Tag:morire]
  • Rubare è roba per gente seria, mica per gente come voi! Voi, al massimo... potete andare a lavorare!”
    Marcello Mastroianni - Tiberio
    [Tag:lavorare, rubare]
  • “- Capannelle: Dimmi un po' ragassuolo, tu conosci un certo Mario che abita qua intorno?
    - Bambino: Qui de Mario ce ne so' cento.
    - Capannelle: Sì va bene, ma questo l'è uno che ruba...
    - Bambino: Sempre cento so'.”

    Carlo Pisacane - Capannelle
    [Tag:italia, ladri, nome]
  • “- Norma: Ma perché non me sposi?
    - Cosimo: Ma come me ne esco da 'na condanna e me ne vojo appioppà n'altra, ah matta!”

    Rossana Rory - Norma
    Memmo Carotenuto - Cosimo
  • “- Cosimo: Ahò, e strilla piano!
    - Vicino: E quello me sta a di' che c'è mi' nonna che so cinque giorni che dorme!
    - Cosimo: E parla piano che sennò la svegli!”

    Memmo Carotenuto - Cosimo
  • “Ma guarda dove son capitato, fra i lavoratori!”
    Carlo Pisacane - Capannelle
    [Tag:lavorare]
  • “Chi c'ha una sigaretta e nun me la vo' dà, gli possa morire il padre e la madre. [Silenzio] Tutti orfani...”
    Memmo Carotenuto - Cosimo
    [Tag:sigarette]
  • Femmina piccante, prendila per amante; femmina cuciniera, prendila per mugliera.”
    Tiberio Murgia - Ferribotte
    [Tag:donne]
  • “Mi sono detto tra me e me (che tra l'altro dista pochissimi centimetri)...”
    Totò - Dante Cruciani
    [Tag:riflessione]
  • “Taciturno inveroché laconico, ma quando che parla ogni parola è una sentenza.”
    [Tag:parlare, tacere]
In evidenza