Frasi di Peppino Prisco

Immagine di Peppino Prisco
Identikit e dati anagrafici
Nome
Giuseppe
Cognome
Prisco
Pseudonimo
Peppino Prisco
Nato
10 dicembre 1921 a Milano
Morto
12 dicembre 2001 a Milano
Sesso
maschile
Nazionalità
italiana
Professione
avvocato, manager (implicato nello scandalo del Banco Ambrosiano), imprenditore (vicepresidente dell'Inter)
Segno zodiacale
Sagittario
Frasi, citazioni e aforismi di Peppino Prisco
8 in italiano
Tutte le frasi di Peppino Prisco
  • “Quando stringo la mano a un milanista me la lavo, quando stringo la mano a uno juventino mi conto le dita.”
    Peppino Prisco
    [Tag:calcio, squadra]
  • “Io sono contro ogni forma di razzismo, ma mia figlia in sposa a un giocatore del Milan non la darei mai.”
    Peppino Prisco
    [Tag:calcio, odio, squadra]
  • “L'interista più simpatico? Giacinto Facchetti. Fece un gol al Napoli in mezzo alla nebbia e venne a cercarmi a bordo campo per abbracciarmi. Ci mise tre minuti per trovarmi.”
    Peppino Prisco
  • “La Juventus è come una malattia che uno si trascina dall'infanzia. Alla lunga ci si rassegna.”
    Peppino Prisco
  • “L'Inter nacque da una scissione del Milan... Ecco la dimostrazione che si può fare qualcosa di importante partendo da niente!”
    Peppino Prisco
    [Tag:calcio, squadra]
  • “Quando la giustizia non è sommaria, ma sollecita, anche il rapporto tra avvocato e cliente si pone meglio... in una forma più umana... Invece adesso...”
    Peppino Prisco
  • “A Milano ci sono due squadre: l'Inter e la primavera dell'Inter.”
    Peppino Prisco
    [Tag:milano, squadra]
  • “Ho una scaramanzia. La domenica compro la Settimana enigmistica e cerco di risolvere i quesiti della sfinge. Credo che riuscendoci l'Inter poi vinca.”
    Peppino Prisco
In evidenza