Una specie di solitudine: I diari

Libro Una specie di solitudine: I diari
Titolo: Una specie di solitudine: I diari
Titolo originale: The Journals
Autore:John Cheever
Anno di prima pubblicazione: 1991
Acquista questo libro su
Altri libri dell'autore
  • Credo di poter arrivare alla conclusione che la vita, così come ci passa davanti agli occhi, sia una forza creativa – che le cose vengano messe una sopra l’altra con un senso – che ciò che perdiamo in uno scambio sia più che ricompensato da quello successivo, che siamo soltanto noi, soltanto i nostri pietosi fraintendimenti a creare le...” (continua)(continua a leggere)
    John Cheever
  • “Il problema è stato: troppo gin, troppo fumo, troppe cagate di tutti i tipi. Così mi preparo un cocktail e mi accendo una sigaretta.”
    John Cheever
    [Tag:vizi]
  • “Non è un sospiro profumato di violette né uno spasimo chopinesco: è qualcosa di rozzo e reale come i peli sulla mia pancia.”
    John Cheever
  • “Lo scrittore coltiva, espande, alleva e gonfia la propria immaginazione, sicuro che sia il suo destino, il suo scopo, il suo contributo alla comprensione del bene e del male. Nel gonfiare la propria immaginazione, gonfia anche la sua tendenza al male. Mentre gonfia la sua immaginazione, gonfia la sua tendenza all’ansia, e inevitabilmente diventa...” (continua)(continua a leggere)
    John Cheever
  • “C’è una meravigliosa serietà in questa faccenda del vivere, e non ne siamo esentati in quanto poeti. Devi prendere delle precauzioni per la salute. Devi amministrare il denaro con intelligenza e rispettare i tuoi obblighi emotivi. Un altro mondo c’è, lo so, è il caos, e noi ci penzoliamo sopra attaccati a un filo. Ma il filo tiene.”
    John Cheever
    [Tag:caos, poeti, vivere]
  • “C’è l’euforia, la sensazione che la vita non sia niente di più di ciò che appare, luce e acqua e alberi e persone piacevoli che rischiano di andare in mille pezzi per colpa di un collo, di una mano, di un’oscenità scritta sulla porta del gabinetto. C’è sempre, da qualche parte, questo accenno di aberrante carnalità.”
    John Cheever
  • “Quando pecchiamo, e io ho peccato – ho assecondato le mie fantasie oscene e letto la scritta sul muro dei bagnipubblici – non sono la nostra carne e il nostro sangue che deturpiamo né la nostra possibilità di accedere all'immortalità che danneggiamo, ma è proprio tutta l’immagine della vita, splendente o scura a seconda dei casi, che sembra...” (continua)(continua a leggere)
    John Cheever
  • “Quando il principio dell’autodistruzione si insinua nel cuore non è più grande di un granello di sabbia.”
    John Cheever
In evidenza