Frasi di Giovanni Boccaccio

Immagine di Giovanni Boccaccio
Identikit e dati anagrafici
Nome
Giovanni
Cognome
Boccaccio
Nato
1313 a Firenze
Morto
21 dicembre 1375 a Certaldo, FI
Sesso
maschile
Nazionalità
italiana
Professione
poeta, scrittore
Libri di Giovanni Boccaccio
Acquista libri di Giovanni Boccaccio su
Frasi, citazioni e aforismi di Giovanni Boccaccio
24 in italiano
Tutte le frasi di Giovanni Boccaccio
  • “Gli ignoranti dall'esteriorità giudicano l'interiorità.”
    Giovanni Boccaccio
  • “Mentre i contadini generalmente assegnano un gallo a dieci galline, dieci uomini sono a malapena sufficienti per soddisfare una donna.”
    Giovanni Boccaccio
  • “Se ami rettamente puoi fare solo il bene.”
    Giovanni Boccaccio
    [Tag:amare, bene]
  • “Ed abbi questo per certo, che colei sola è casta la quale o non fu mai da alcuno pregata o, se pregò, non fu esaudita.”
    Giovanni Boccaccio
  • Fare molto rumore a proposito di un'offesa ricevuta, non diminuisce il dolore, ma aumenta la vergogna.”
    Giovanni Boccaccio
  • “Deh, signor mio, deh fammelo sperare, si ch'io conforti l'anima smarrita.”
    Giovanni Boccaccio
  • “Lidia s'innamorò forte, tanto che né dì né notte che in altra parte che con lui aver poteva il pensiere.”
    Giovanni Boccaccio
  • “I falli meritan punizione così i benefici meritan guiderdone oltre alla grazia e alla misericordia.”
    Giovanni Boccaccio
    [Tag:errori, punizioni]
  • “Solo la miseria è senza invidia.”
    Giovanni Boccaccio
    [Tag:invidia, povertà]
  • “Le ricchezze dipingono l'uomo, e con i loro colori cuoprono e nascondono non solamente i difetti del corpo, ma ancora quelli dell'anima.”
    Giovanni Boccaccio
    [Tag:beni, ricchezza]
  • “Vien dunque, Amor, cagion d'ogni mio bene, d'ogni speranza e d'ogni lieto effetto; cantiamo insieme un poco, non de' sospir né delle amarepene ch'or più dolce mi fanno il tuo diletto, ma sol del chiaro foco, nel quale ardendo in festa vivo e 'n gioco, te adorando come un mio idio.”
    Giovanni Boccaccio
    [Tag:amore]
  • “Viva amore, e muoia soldo.”
    Giovanni Boccaccio
    [Tag:amore, denaro]
  • “Giudicherei ottimamente fatto che noi, sì come noi siamo, sì come molti innanzi a noi hanno fatto e fanno, di questa terra uscissimo, e fuggendo come la morte i disonesti essempli degli altri onestamente a' nostri luoghi in contado, de' quali a ciascuna di noi è gran copia, ce ne andassimo a stare, e quivi quella festa, quella allegrezza, quello...” (continua)(continua a leggere)
    Giovanni Boccaccio
  • “Amor s'io posso uscir dei tuoi artigli
    appena creder posso che alcun altro uncin mai più mi pigli.”

    Giovanni Boccaccio
  • Umana cosa è aver compassione degli afflitti.”
    Giovanni Boccaccio
    [Tag:compassione]
  • “Gli uomini sono delle femine capo e senza l'ordine loro rade volte riesce alcuna nostra opera a laudevole fine.”
    Giovanni Boccaccio
    [Tag:uomini]
  • “Nella noia tanto rifrigerio già mi porsero i piacevoli ragionamenti d'alcuno amico e le sue laudevoli consolazioni, che io porto fermissima opinione per quelle essere avenuto che io non sia morto.”
    Giovanni Boccaccio
  • “Io voglio avanti uomo che abbia bisogno di ricchezza che ricchezza che abbia bisogno d'uomo.”
    Giovanni Boccaccio
  • “Già erano gli anni della fruttifera incarnazione del Figliuolo di Dio al numero pervenuti di milletrecentoquarantotto, quando nella egregia città di Fiorenza, oltre a ogn'altra italica bellissima, pervenne la mortifera pestilenza.”
    Giovanni Boccaccio
    [Tag:infezione]
  • “Spesse volte avviene che l'arte è dall'arte schernita, e per ciò è poco senno il dilettarsi di schernire altrui.”
    Giovanni Boccaccio
    [Tag:criticare, arte]
  • “Essendo Egli infinito, diede per legge incommutabile a tutte le cose mondane aver fine.”
    Giovanni Boccaccio
    [Tag:dio, limiti, mondo]
  • “Se così è, che essere manifestamente si vede, che faccian noi qui, che attendiamo, che sognamo? perché più pigre e lente alla nostra salute che tutto il rimanente de' cittadini siamo? reputianci noi men care che tutte l'altre? o crediamo la nostra vita con più forti catene esser legata al nostro corpo che quella degli altri sia?”
    Giovanni Boccaccio
    [Tag:domande]
  • “Esse dentro a' dilicati petti, temendo e vergognando, tengono l'amorose fiamme nascose, le quali quanto più di forza abbian che le palesi coloro il sanno che l'hanno provate.”
    Giovanni Boccaccio
  • “Se innocente vi conoscete, assai basta alla vostra quiete.”
    Giovanni Boccaccio
In evidenza