Frasi di Luigi Pulci

Immagine di Luigi Pulci
Identikit e dati anagrafici
Nome
Luigi
Cognome
Pulci
Nato
15 agosto 1432 a Firenze
Morto
11 novembre 1484 a Padova
Sesso
maschile
Nazionalità
italiana
Professione
poeta
Segno zodiacale
Leone
Acquista libri di Luigi Pulci su
Frasi, citazioni e aforismi di Luigi Pulci
10 in italiano
Tutte le frasi di Luigi Pulci
  • “I' non so quel ch'io sono,
    ma so ben quel ch'io fui.”

    Luigi Pulci
  • “Fortuna è ordinata,
    disordinato è l'uomo.”

    Luigi Pulci
    [Tag:fortuna, ordine, uomo]
  • “Non è giusto colui
    ch'ogni cosa perdona.”

    Luigi Pulci
    [Tag:onestà, perdono]
  • “Or queste son tre virtù cardinale,
    la gola e 'l culo e 'l dado, ch'io t'ho detto.”

    Luigi Pulci
    [Tag:virtù]
  • “E si perdona per certo ogni offesa,
    ma sempre pur nella memoria resta,
    e così l'uno all'altro contrappesa.”

    Luigi Pulci
  • “In principio era il Verbo appresso a Dio,
    ed era Iddio il Verbo e 'l Verbo Lui:
    questo era nel principio, al parer mio,
    e nulla si può far sanza Costui.
    Però, giusto Signor benigno e pio,
    mandami solo un degli angel tui,
    che m'accompagni e rechimi a memoria
    una famosa, antica e degna storia.”

    Luigi Pulci
    [Tag:dio, gesù]
  • “S'io meritai di te, mio sacro Apollo,
    quel dì ch'io venni al tuo famoso templo
    e piansi tanto del suo extremo crollo,
    acciò che a' tuoi suggetti anco sia exemplo,
    io son soletto a piè d'un erto collo,
    aiuta il suon che per piacerti templo
    a cantar versi del tuo amato Lauro
    se ti ricorda più de' be' crin' d'auro.”

    Luigi Pulci
  • “Le galee per Quaracchi
    dieron le vele al vento,
    giunsono a salvamento
    che n'era capitano
    non so chi da Spacciano
    e due padron' con ello
    da Pinti e di Mugello.
    Riconsegnò le balle
    lo scrivan da Capalle,
    ch'era questo l'effetto.”

    Luigi Pulci
    [Tag:salvezza]
  • “Chi ama assai, poco favella.”
    Luigi Pulci
    [Tag:amare]
  • “Rispose allor Morgante:
    a dirtel tosto, io non credo più al nero
    ch’all’azzurro, ma nel cappone,
    o lesso, o vuogli arrosto; e credo alcuna
    volta anche nel burro, nella cervogia e,
    quando io n’ho, nel mosto, ma
    sopra tutto nel buon vino ho fede,
    e credo che sia salvo chi gli crede.”

    Luigi Pulci
    [Tag:cibo, vino]
In evidenza