Diceria dell'untore

Libro Diceria dell'untore
Titolo: Diceria dell'untore
Autore:Gesualdo Bufalino
Anno di prima pubblicazione: 1981
Acquista questo libro su
Altri libri dell'autore
  • “La morte: un esilio? un rimpatrio?”
    Gesualdo Bufalino
    [Tag:morte]
  • “Dalla grazia alla disgrazia, a piedi nudi, come in sogno.”
    Gesualdo Bufalino
    [Tag:disgrazie, grazia]
  • “Qualunque cosa faccia, dovunque vada, un pensiero mi conforta: sono un uomo involontario, dunque sono un uomoinnocente.”
    Gesualdo Bufalino
  • “Il peccato: inventato dagli uomini per meritare la pena di vivere, per non esserecastigati senza perché.”
    Gesualdo Bufalino
    [Tag:peccato, vivere]
  • “Dio, gigantesco eufemismo.”
    Gesualdo Bufalino
    [Tag:dio]
  • “Solo l'infelicità è degli uomini, la disperazione è di Dio.”
    Gesualdo Bufalino
  • “Abituarsi a guardare la vita come una cosa d'altri, rubata per scherzo, da restituire domani. Convincersi ch'è uno sbaraglio per temerari, che la precauzione suprema è morire...”
    Gesualdo Bufalino
    [Tag:morte, vita]
  • “Non c'è cosa che Io non saprei perdonare. Molte gravi tentazioni si sviluppano da questo pensiero. Sarei dunque più buono di Lui?”
    Gesualdo Bufalino
  • “Com'è difficile, Dio.”
    Gesualdo Bufalino
    [Tag:difficoltà, dio]
  • “E se fossimo solo il Suo peccatooriginale, l'infrazione, la mela che non doveva mangiare?”
    Gesualdo Bufalino
    [Tag:dio, peccato, umanità]
  • “La mortenaturale non esiste: ogni morte è un assassinio. E se non si urla, vuol dire che si acconsente.”
    Gesualdo Bufalino
    [Tag:gridare, morte]
  • Pena di doversi lasciare a metà, dopo aver fatto con se stessi così poca strada, curiosità di conoscere il séguito (seppure esista altrove un copione completo ...).”
    Gesualdo Bufalino
  • Pregare, altro viziosolitario.”
    Gesualdo Bufalino
  • “Come s'affonda in un legno un chiodo, a piccoli colpi, la morte...”
    Gesualdo Bufalino
    [Tag:morte]
In evidenza