Milioni di farfalle

Libro Milioni di farfalle
Titolo: Milioni di farfalle
Titolo originale: Proof of Heaven: A Neurosurgeon's Near-Death Experience and Journey Into the Afterlife
Autore:Eben Alexander
Anno di prima pubblicazione: 2012
Acquista questo libro su
  • “Immaginate come sarebbe limitata la nostra visione dell’universo se non vedessimo mai il cielonotturno che brilla di stelle.”
    Eben Alexander
  • “Il male era necessario, perché senza di esso non sarebbe esistito il libero arbitrio, e senza il libero arbitrio non poteva esserci crescita: nessun progresso, nessuna possibilità di trasformarci in ciò che Dio aveva in mente per noi.”
    Eben Alexander
  • “L’allegria e l’ironia ci ricordano che non siamo prigionieri in questo mondo, ma viaggiatori che lo attraversano.”
    Eben Alexander
    [Tag:allegria, ironia]
  • Comunicare con Dio è l’esperienza più straordinaria che si possa immaginare, ma allo stesso tempo la più naturale di tutte, perché Dio è costantemente presente in ciascuno di noi. Onnisciente, onnipotente, personale, Egli ci ama incondizionatamente. Siamo parte dell’Uno attraverso il nostro legame esclusivo con Dio.”
    Eben Alexander
    [Tag:dio, fede, preghiere]
  • “Per tutte le conquiste della civiltà occidentale il mondo ha pagato un caro prezzo, a scapito della componente più importante dell’esistenza: lo spirito.”
    Eben Alexander
  • “Nessuno di noi è mai privo di amore. Esiste un Creatore che ci conosce profondamente, si prende cura di noi e ama ciascuno di noi oltre ogni nostra capacità di comprensione. Questa certezza non deve più rimanere un segreto.”
    Eben Alexander
    [Tag:amore, dio]
  • “Sapere da dove venivo, conoscere le mie origini biologiche, mi consentì di vedere e accettare molti aspetti di me che giudicavo strani.”
    Eben Alexander
  • “L’universo non ha né un inizio né una fine, e Dio è presente dentro ogni sua particella.”
    Eben Alexander
    [Tag:dio, universo]
  • “Viviamo nelle familiari dimensioni di spazio e tempo, imprigionati dai limiti peculiari dei nostri organi di senso e dalla nostra scala percettiva che va dalla particella subatomica all’intero universo.”
    Eben Alexander
In evidenza