Frasi di “Totò, Peppino e... la malafemmina”

(1956)
Film Totò, Peppino e... la malafemmina
Titolo Totò, Peppino e... la malafemmina
Anno 1956
Regista Camillo Mastrocinque
Genere Commedia, Musical, Romantico
Acquistalo su
Trama – Antonio, Peppino e Lucia sono tre fratelli e vivono in provincia di Napoli. Il figlio di Lucia va a Napoli per studiare medicina, ma incontra una ballerina e se ne innamora, seguendola poi a Milano. Per paura che il nipote smetta di studiare, gli zii cercano di convincerlo a tornare a Napoli per finire gli studi, abbandonando per sempre quella "Malafemmina".
Tutti gli attori – Totò, Peppino De Filippo, Dorian Gray, Teddy Reno, Vittoria Crispo, Mario Castellani, Nino Manfredi, Linda Sini, Salvo Libassi, Luisa Ciampi, Corrado Annicelli, Edoardo Toniolo, Gianna Cobelli, Donatella Randisi, Gino Ravazzini, Delia Orman, Lamberto Antinori
vedi tutti
  • “A me mi chiamate dottore, al mio vice, vice dottore.”
    Totò - Antonio Caponi
    [Tag:nome, superbia]
  • “Ho un fratello di nome Peppino: io sono il primogenio, lui il secondogenio, ma è un cretino.”
    Totò - Antonio Caponi
  • “- Antonio Caponi: Giovanotto, carta, calamaio e penna, su! Scriviamo!...dunque, hai scritto?
    - Peppino Caponi: Eh, un momento, no?
    - Antonio Caponi: E comincia, su!
    - Peppino Caponi: [Fra sé e se'] Carta, calamari e penna...”

    Totò - Antonio Caponi
    Peppino De Filippo - Peppino Caponi
    [Tag:lettere, scrivere]
  • “Noi vorremmo sapere... per andare dove dobbiamo andare... per dove dobbiamo andare?”
    Totò - Antonio Caponi
  • “Punto! Due punti!...ma sì, fai vedere che abbondiamo... Abbondandis in abbondandum.”
    Totò - Antonio Caponi
  • “Milano è la capitale del Nord, noi sudisti stiamo sotto lo stivale.”
    Totò - Antonio Caponi
    [Tag:italia, milano]
  • “[rivolto a Peppino]
    - Antonio Caponi: Non mi far perdere il filo... vi consolate dal dispiacere che avreta, che avreta, che avreta, già è femmina e va al femminile, perché lo dovete lasciare.
    - Peppino Caponi: Non so... perché che?
    - Antonio Caponi: Che è non so? 'Perché' è aggettivo qualificativo.”

    Totò - Antonio Caponi
    Peppino De Filippo - Peppino Caponi
  • “Noio volevons savuàr l'idriss.”
    Totò - Antonio Caponi
  • “Bisogna essere chiari, le parole sotto semaforo non mi convincono.”
    Totò - Antonio Caponi
  • “- Peppino Caponi: Ma adesso se noi dobbiamo incontrare a nostro nipote, questa cantante, come li vediamo, dove li troviamo?
    - Antonio Caponi: Già! Eh già, non ci avevo pensato.
    - Mezzacapa: È facile, la cantante, quella c'ha il nome sul manifesto.
    - Antonio Caponi: Hai capito, a Milano quando c'è la nebbia, mettono i nomi sui manifesti. Dice,...” (continua)
    (continua a leggere)
    Peppino De Filippo - Peppino Caponi
    Totò - Antonio Caponi
    Mario Castellani - Mezzacapa
    [Tag:milano, nebbia]
  • Adesso che siamo a Milano finalmente, vogliamo andare a vedere questo famoso Colosseo?”
    Totò - Antonio Caponi
  • “- Mezzacapa: A Milano quando c'è la nebbia non si vede!
    - Antonio Caponi: Ma come facciamo a capire che c'è questa nebbia se non si vede?!”

    Mario Castellani - Mezzacapa
    Totò - Antonio Caponi
    [Tag:milano, nebbia]
  • “- Mezzacapa: Certo, certo non è una città, vero il clima non è come qui da noi. Lì è un clima più rigido, eh, vento, neve..
    - Antonio Caponi: Freddo?
    - Mezzacapa: Freddo. Le bufère...
    - Antonio Caponi: Le bùfere.
    - Peppino Caponi: Ci sono? Le bùfere?
    - Mezzacapa: Eccome.
    - Peppino Caponi: Per la strada?
    - Antonio Caponi: Per la strada.
    -...” (continua)
    (continua a leggere)

    Mario Castellani - Mezzacapa
    Totò - Antonio Caponi
    Peppino De Filippo - Peppino Caponi
    [Tag:meteo, milano]
  • “Per andare a Milano ci vogliono quattro giorni di mare, a meno di non andare a piedi.”
    Totò - Antonio Caponi
    [Tag:milano, viaggiare]
  • “[rivolto a Peppino]
    - Antonio Caponi: Sei pronto? Avanti scrivi, incomincia: 'Signorina...
    - Peppino Caponi: Dove sta la signorina?
    - Antonio Caponi: Ma che, è entrata una signorina? Va' avanti, animale, 'signorina' è l'intestazione autonoma della lettera.”

    Totò - Antonio Caponi
    Peppino De Filippo - Peppino Caponi
In evidenza