Critica della ragion pura

Libro Critica della ragion pura
Titolo: Critica della ragion pura
Titolo originale: Kritik der reinen Vernunft
Autore:Immanuel Kant
Anno di prima pubblicazione: 1781
Acquista questo libro su
  • “La ragioneumana, anche senza il pungolo della semplice vanità dell'onniscienza, è perpetuamente sospinta da un proprio bisogno verso quei problemi che non possono in nessun modo esser risolti da un uso empirico della ragione... e così in tutti gli uomini una qualche metafisica è sempre esistita e sempre esisterà, appena che la ragione s'innalzi...” (continua)(continua a leggere)
    Immanuel Kant
  • “È solo attraverso la critica che è possibile troncare alla radice stessa il materialismo, il fatalismo, l'ateismo, l'incredulità dei liberipensatori, il fanatismo e la superstizione, che possono costituire un danno per tutti.”
    Immanuel Kant
  • “La critica è la disposizione preliminare e necessaria alla promozione di una approfondita metafisica come scienza.”
    Immanuel Kant
  • “Chiamo estetica trascendentale la scienza di tutti i princìpi a priori della sensibilità.”
    Immanuel Kant
  • Necessità e rigorosa universalità sono i segni sicuri della conoscenza a priori.”
    Immanuel Kant
  • “È un consueto destino della ragioneumana nella speculazione allestire più presto che sia possibile il suo edifizio, e solo alla fine cercare se gli sia stato gettato un buon fondamento.”
    Immanuel Kant
  • “Il tempo è una rappresentazione necessaria, che si trova a fondamento di tutte le intuizioni.”
    Immanuel Kant
    [Tag:tempo]
  • Spazio e tempo ineriscono in modo assolutamente necessario alla nostra sensibilità, qualunque sia il genere delle nostre sensazioni.”
    Immanuel Kant
  • “Per tale ragione essa (la logica generale applicata) non è d'altronde né un canone dell'intelletto in generale, né un organo di scienze particolari, ma unicamente uno strumento purificatore dell'intelletto comune.”
    Immanuel Kant
    [Tag:logica]
  • “I pensieri senza contenuto sono vuoti, le intuizioni senza concetti sono cieche. ”
    Immanuel Kant
  • “Tutti gli oggetti dei sensi, cadono nel tempo e stanno necessariamente fra di loro in rapporti di tempo.”
    Immanuel Kant
  • “Lo spazio non è un concetto empirico, proveniente da esperienze esterne.”
    Immanuel Kant
    [Tag:spazio]
  • “Da un legno storto come quello di cui è fatto l'uomo, non si può costruire niente di perfettamente dritto.”
    Immanuel Kant
  • “Non consideriamo mai obbligatorie le nostre azioni perché sono ordinate da Dio; al contrario, ci sembrano ordinate da Dio perché ci sono imposte da una nostra legge interiore.”
    Immanuel Kant
    [Tag:agire, doveri]
  • “La critica della ragione conduce alla fine necessariamente alla scienza; l'usodogmatico, invece, di essa senza critica, ad affermazioni prive di fondamento.”
    Immanuel Kant
  • “Lo spazio è una rappresentazione a priori, necessaria, che sta a fondamento di tutte le intuizioni esterne.”
    Immanuel Kant
    [Tag:spazio]
  • “Che cosa siano gli oggetti presi in se stessi, a prescindere dalla intera recettività della nostra sensibilità, ci è del tutto ignoto.”
    Immanuel Kant
In evidenza