Il libro nero

Libro Il libro nero
Titolo: Il libro nero
Titolo originale: Kara Kitap
Autore:Orhan Pamuk
Anno di prima pubblicazione: 1990
Acquista questo libro su
  • “Viviamo poco, vediamo poco e sappiamo poco; quindi, se non altro, sogniamo un po’.”
    Orhan Pamuk
    [Tag:sognare, vivere]
  • “Non c’è nulla di sorprendente come la vita. Tranne lo scrivere. Lo scrivere. Sì, certo, tranne lo scrivere, l’unicaconsolazione che abbiamo.”
    Orhan Pamuk
    [Tag:scrivere]
  • “Ero la stessa, quando mi sono svegliata questa mattina? Mi sembra di ricordare che mi sentivo un po’ diversa. Ma se non sono la stessa si pone un’altra domanda: «Chi diavolo sono?”
    Orhan Pamuk
  • “E’ soltanto quando non resta più nulla da raccontare che si arriva vicini a essere sé stessi. Solo quando i fatti da narrare si sono esauriti, quando si avverte nell'intimo un silenzio profondo perché libri, ricordi, storie e la stessa memoria si sono spenti, solo allora si può udire la propria vera voce, quella che può davvero farci emergere...” (continua)(continua a leggere)
    Orhan Pamuk
  • “A rendere straordinario un fatto è il suo particolare modo di essere comune; a rendere comune un fatto è il suo particolare modo di esserestraordinario.”
    Orhan Pamuk
    [Tag:circostanze]
  • “A fare del mondo un luogo misterioso è la presenza della seconda persona che ci portiamo dentro, con cui viviamo come un gemello.”
    Orhan Pamuk
  • “Quando il giardino della memoria inizia a inaridire, si accudiscono le ultime piante e le ultime rose rimaste con un affetto ancora maggiore. Per non farle avvizzire, le bagno e le accarezzo dalla mattina alla sera: ricordo, ricordo, in modo da non dimenticare.”
    Orhan Pamuk
    [Tag:memoria, ricordi]
  • “Il mistero è sovrano, quindi trattatelo con gentilezza e rispetto.”
    Orhan Pamuk
    [Tag:mistero]
  • “Che cosa vuol direleggere l’opera di un altro, in definitiva, se non appropriarsi pian piano dei suoi ricordi?”
    Orhan Pamuk
    [Tag:leggere, ricordi]
  • “L'aspetto fondamentale del sonno - oltre a far scordare la straziante distanza tra chi si è e chi si è persuasi di diventare un giorno - consiste nel mescolare intimamente tutto ciò che si è sentito con ciò che non si è sentito, il visto con il non visto, ciò che si sa con ciò che non si sa.”
    Orhan Pamuk
    [Tag:dormire, sonno]
In evidenza