Frasi di “Scusate il ritardo”

(1983)
Film Scusate il ritardo
Massimo Troisi ha diretto questo film nel 1983
Titolo Scusate il ritardo
Anno 1983
Regista Massimo Troisi
Genere Commedia
Acquistalo su
Trama – Vincenzo è un giovane disoccupato che si fa mantenere dalla famiglia e che vive tutto con pigrizia, finché l'amore non arriva a turbare le sue giornate apatiche nei panni di Anna, una ragazza in cerca di riscatto dopo una storia finita male.
Tutti gli attori – Massimo Troisi, Giuliana de Sio, Lina Polito, Franco Acampora, Olimpia Di Maio, Lello Arena, Luigi Uzzo, Nicola Esposito, Stefano Tosi, Ciro Di Mola, Valeria Veneruso
vedi tutti
  • “- Anna: Io ho deciso di partire, torno a Perugia...Vincè...io ti voglio ancora bene...
    - Vincenzo: Anch'io...cioè, se stai bene con me...non partire no?
    - Anna: Non lo so, Vincenzo, io...se devo essere sincera...
    - Vincenzo: No, perché? Mica...puoi dire pure una bugia...cioè stiamo tutti e due...chi se ne accorge?...cioè dico...resta!”

    Giuliana De Sio - Anna
    Massimo Troisi - Vincenzo
  • “Senti Alfredo, cioè, nuje avimme pensato, tutte quante nuje, i figli, tutte quante accussì, avimme pensato, poiché venerdì è o' compleanno e' mammà, no? Non lo so, ce vulevemu fa' nu regalo, tutte quante insieme, no? E niente, avimm pensato e' ce fa a televisione, sta sempre annanz' a televisione, però tiene chille colori ca... a televisione fa...” (continua)(continua a leggere)
    Massimo Troisi - Vincenzo
  • “Se si dà una coltellata, se la desse a sinistra perché a destra ha il fegato che gli fa male!”

    Massimo Troisi - Vincenzo
  • “Il massimo della solitudine: la macchinetta del caffè per una sola persona!”
    Massimo Troisi - Vincenzo
  • Il legno può trasudare mica può ridere. Si è mai visto un albero o una sedia che per improvviso cambiamento di temperatura "Ahahah".

    Massimo Troisi - Vincenzo
  • “- Anna: Mi piacefare l'amore con te.
    - Vincenzo: Anche a me.
    - Anna: E allora perché non me lo dici mai?
    - Vincenzo: Che significa? Se lo faccio, ca lo facciamo accussì, vuol dire che mi piace, no?
    - Anna: Eh no.
    - Vincenzo: Come no? No. È mai visto ca mi so' dato 'na martellata sulla mano o mi so' tagliato un orecchio? No. Sai perché? Perché...” (continua)
    (continua a leggere)
    Giuliana De Sio - Anna
    Massimo Troisi - Vincenzo
  • “A verità è che a te non ti smuovono nemmeno i miracoli!”

    Olimpia Di Maio - madre di Vincenzo
    [Tag:pigrizia]
  • “- Vincenzo: Tonì, ijammuncenne 'a casa, sta chiuenne.
    - Tonino: Non fa niente, tengo l'impermeabile.
    - Vincenzo: è, tu 'o tieni, io tengo 'o vestito buone, che nun è manco 'o mio.”

    Massimo Troisi - Vincenzo
    Lello Arena - Tonino
  • “Cioè, io, in classe mia, quando andavo a scuola io che stavo, in classe mia ero il terzo.. come ordine... Cioè quando dice è il primo della classe, io ero il terzo... Cioè mica è... È male... Buono... Cioè eravamo trenta, stavamo trentuno, non mi ricordo... Essere il terzo che... Mi ricordo ch' ci stava, ci stava Cimino, Balocco poi venivo io.”

    Massimo Troisi - Vincenzo
  • “- Tonino: Vincé, io mi uccido, meglio un giorno da leone o 100 giorni da pecora.
    - Vincenzo: Tonì, che ne saccio io da pechere o do lione, fà 50 juorne da orsacchiotto.”

    Massimo Troisi - Vincenzo
    Lello Arena - Tonino
    [Tag:coraggio, viltà]
In evidenza