La società dello spettacolo

Libro La società dello spettacolo
Titolo: La società dello spettacolo
Titolo originale: La Société du spectacle
Autore:Guy Debord
Anno di prima pubblicazione: 1967
Acquista questo libro su
  • “L’uomo reificato ostenta la prova della sua intimità con la merce. Il feticismo della merce raggiunge dei momenti di eccitazione fervente.”
    Guy Debord
  • “Lo spettacolo non vuole giungere a nient’altro che a sé stesso.”
    Guy Debord
    [Tag:spettacolo]
  • “Lo spettacolo è il bruttosogno della societàmoderna incatenata, che infine non esprime che il suo desiderio di dormire. Lo spettacolo è il custode di questo sonno.”
    Guy Debord
  • “Lo spettatore più contempla, meno vive; più accetta di riconoscersi nelle immagini dominanti del bisogno, meno comprende la propria esistenza e il proprio desiderio.”
    Guy Debord
  • “Il lavoro è divenuto, con la borghesia, lavoro che trasforma le condizioni storiche.”
    Guy Debord
  • “La prima fase del dominio dell’economia sulla vitasociale aveva comportato nella definizione di ogni realizzazioneumana una evidente degradazione dall’essere in avere.”
    Guy Debord
  • “Il consumatore reale diventa consumatore di illusioni. La merce è questa illusione effettivamente reale, e lo spettacolo la sua manifestazione generale.”
    Guy Debord
  • “Le personeammirabili in cui il sistema si personifica sono ben conosciute per non essere quel che sono; esse sono divenute grandiuomini scendendo al di sotto della realtà della più infima vita individuale, e tutti lo sanno.”
    Guy Debord
  • “Lo spettacolo non è un insieme di immagini, ma un rapportosociale fra persone, mediato da immagini.”
    Guy Debord
  • “Il consumoalienato diventa per le masse un dovere supplementare alla produzione alienata.”
    Guy Debord
  • “Il nostro tempo preferisce l’immagine alla cosa, la copia all’originale, la rappresentazione alla realtà, l’apparenza all’essere. Ciò che per esso è sacro, non è che l’illusione, ma ciò che è profano, è la verità.”
    Guy Debord
  • L’estensione della logica del lavoro in fabbrica si applica a gran parte dei “servizi” e delle professioni intellettuali.
    Guy Debord
  • “Lo spettacolo è il capitale a un tal grado d’accumulazione da divenire immagine.”
    Guy Debord
  • “La fase presente dell’occupazione totale della vitasociale da parte dei risultati accumulati dall’economia, conduce a uno slittamento generalizzato dall’avere al sembrare.”
    Guy Debord
In evidenza