Frasi di Suzanne Collins

Immagine di Suzanne Collins
Identikit e dati anagrafici
Nome
Suzanne
Cognome
Collins
Nato
10 agosto 1962
Sesso
femminile
Nazionalità
statunitense
Professione
scrittore, sceneggiatore
Segno zodiacale
Leone
Acquista libri di Suzanne Collins su
Frasi, citazioni e aforismi di Suzanne Collins
121 in italiano
Tutte le frasi di Suzanne Collins
  • “Mangiavo come se non avessi mai più dovuto rivedere del cibo.”
    Suzanne Collins
    [Tag:fame, mangiare]
  • “Oh, be’, penso. Saremo ventiquattro. Ci sono buone probabilità che qualcun altro lo uccida prima che lo faccia io.”
    Suzanne Collins
  • “Tutti i colori sembrano finti, i rosa troppo carichi, i verdi troppo brillanti, i gialli così squillanti da fare male agli occhi, come quei leccalecca che non abbiamo mai potuto permetterci di comprare nella piccola pasticceria del Distretto 12.”
    Suzanne Collins
    [Tag:colori, finzione]
  • “La galleria prosegue ancora e ancora e io penso alle tonnellate di roccia che mi separano dal cielo e mi si stringe il cuore. Odioessere rinchiusa nella pietra in questo modo. Mi ricorda le miniere e mio padreintrappolato, incapace di raggiungere la luce del sole, sepolto per sempre nel buio.”
    Suzanne Collins
  • “Tu non hai paura del fuoco, vero, Katniss?”
    Suzanne Collins
    [Tag:domande, fuoco, paura]
  • “Là in fondo al prato, nel folto celato c’è un manto di foglie di luna illuminato. Scorda le angustie, le pene abbandona. Quando verrà mattina, spariranno a una a una. Qui sei al sicuro, qui sei al calduccio, qui le margherite ti proteggono da ogni cruccio.”
    Suzanne Collins
    [Tag:conforto, natura]
  • “Mentre mi addormento, cerco di immaginare un mondo futuro in cui non ci siano Hunger Games o Capitol City. Un posto come il prato della canzone che ho cantato quando è morta Rue. Dove il figlio di Peeta potrebbe essere al sicuro.”
    Suzanne Collins
  • Tradimento. È la mia prima sensazione, ed è grottesca. Perché, per esserci un tradimento, dovrebbe esserci stata fiducia, prima.”
    Suzanne Collins
  • “Le regole sono semplici. Come punizione per la rivolta, ognuno dei dodici distretti deve fornire due partecipanti, un ragazzo e una ragazza, chiamati tributi. I ventiquattro tributi vengono rinchiusi in un’ampia arena all’aperto che può contenere di tutto, da un torrido deserto a una landa ghiacciata. Per varie settimane i concorrenti devono...” (continua)(continua a leggere)
    Suzanne Collins
  • “Ricordate, testa alta. Sorrisi. Vi ameranno! Mi sembra di risentire la voce di Cinna. Alzo il mento un po’ di più, mi stampo in faccia il sorriso più affascinante che ho e saluto con la mano libera. Ora sono felice di potermi aggrappare a Peeta per tenermi in equilibrio, è così saldo, solido come una roccia. Quando acquistosicurezza, lancio...” (continua)(continua a leggere)
    Suzanne Collins
In evidenza