Le Catilinarie

Libro Le Catilinarie
Titolo: Le Catilinarie
Titolo originale: Orationes in Catilinam
Autore:Cicerone
Acquista questo libro su
  • “Il loro silenzio è un'eloquenteaffermazione.”
    Cicerone
  • “Quando riguarda se stesso, chi si arrabbia per una calunnia, la rende vera.”
    Cicerone
    [Tag:calunnia]
  • “L’albero è stato tagliato alla base, non sradicato. Ecco perché, come vedi, ora germoglia.”
    Cicerone
    [Tag:alberi, crescere]
  • “Che tempi! Che costumi!”
    Cicerone
  • “L’importante è che l’interesse dello Stato prevalga sulla considerazione dei pericoli personali.”
    Cicerone
  • “Avete come capo un uomo memore di voi e dimentico di sé, facoltà che non sempre è data.”
    Cicerone
  • “Catilina, cosa può ancora piacerti in questa città, dove non c’è nessuno che non ti tema, nessuno che non ti detesti, tranne gli uomini perduti che aderiscono alla tua congiura? Quale marchio di degradazionemorale non è impresso a fuoco sulla tua vita? Quali scandali privati non si legano al tuo nome? Quale oscenità si è mai tenuta lontana dai...” (continua)(continua a leggere)
    Cicerone
  • “La vittoria all’estero è migliore della vittoria politica: i nemici stranieri, quando sono vinti, sono asserviti, oppure, quando ricevono dei favori, si sentono obbligati; invece chi appartiene al novero dei cittadini, se viene fuorviato da qualche idea insensata e diventa un nemico della patria, è impossibile piegarlo con la forza o ammansirlo...” (continua)(continua a leggere)
    Cicerone
  • “Se, Catilina, subito ordinassi il tuo arresto e la tua condanna a morte, probabilmente dovrei temere di essere criticato da tutti gli onesti per i miei indugi, non per la mia inflessibilità. Se, però, non mi decido ancora a fare quel che già da tempo era necessario, ho le mie buone ragioni. Morirai solo quando non ci sarà un uomo così corrotto,...” (continua)(continua a leggere)
    Cicerone
  • “La congiura disponeva anche di una forte base: senatori indebitati, molti giovani desiderosi di cambiamenti, ex sillani scontenti della propria situazione economica, la piccola proprietà agraria danneggiata dal latifondo, artigiani e piccoli commercianti che non vedevano di buon occhio l’enorme affluenza di schiavi dall’Oriente.”
    Cicerone
    [Tag:cospirazione]
In evidenza