Frasi di Elio Vittorini

Immagine di Elio Vittorini
Identikit e dati anagrafici
Nome
Elio
Cognome
Vittorini
Nato
23 luglio 1908 a Siracusa
Morto
12 febbraio 1966 a Milano
Sesso
maschile
Nazionalità
italiana
Professione
scrittore
Segno zodiacale
Leone
Libri di Elio Vittorini
Acquista libri di Elio Vittorini su
Frasi, citazioni e aforismi di Elio Vittorini
16 in italiano
Tutte le frasi di Elio Vittorini
  • “La nostra paura del peggio è più forte del nostro desiderio del meglio.”
    Elio Vittorini
  • “La gente si allea nelle paure. E tu vedi come i bravi e i giusti siano alleati in una pauraintelligente... Come i perfidi siano alleati in una pauraidiota! L’umanità è tutta divisa da patti e alleanze contro le paure...”
    Elio Vittorini
  • “Diciamo oggi: è il fascismo. Anzi: il nazifascismo. Ma che cosa significa che sia il fascismo? Vorrei vederlo fuori dell'uomo, il fascismo. Che cosa sarebbe? Che cosa farebbe? Potrebbe fare quello che fa se non fosse nell'uomo di poterlo fare? Vorrei vedere Hitler e i tedeschi suoi se quello che fanno non fosse nell'uomo di poterlo fare. Vorrei...” (continua)(continua a leggere)
    Elio Vittorini
    [Tag:fascismo]
  • “Io so che cosa vuol dire un uomo senza una donna, credere in una, essere di una, eppure non averla, passare anche anni senza che tu sia uomo con una donna, e allora prenderne una che non è la tua ed ecco avere, in una camera d’albergo avere, invece dell’amore, il suo deserto.”
    Elio Vittorini
  • “Bisogna che gli uomini possano essere felici. Ogni cosa ha un senso solo perchè gli uomini siano felici.”
    Elio Vittorini
  • Rivoluzionario è lo scrittore che riesce a porre attraverso la sua opera esigenze rivoluzionarie diverse da quelle che la politica pone; esigenze interne, segrete, recondite dell’uomo che egli soltanto sa scorgere nell’uomo.”
    Elio Vittorini
    [Tag:scrittori]
  • “C'è oggi nel mondo, non solo in Italia, una disperazione di vivere che sembra togliere, proprio ai più giovani, ogni possibilità, anche semplicemente storica, di lottare. Durante il fascismo c'era almeno risentimento, negli scrittori che la mostravano. Oggi ci sono occhi che nemmeno guardano, tanto li offusca stanchezza o pianto. Ma sono occhi,...” (continua)(continua a leggere)
    Elio Vittorini
  • “Volete lavorare per la felicità della gente, e non sapete che cosa occorre alla gente per essere felici. Potete lavorare senza essere felici?”
    Elio Vittorini
    [Tag:felicità, lavoro]
  • Un libro non è soltanto "mio" o "tuo", non rappresenta solo il "mio" contributo alla verità, il "mio" sforzo di ricerca della verità e la "mia" capacità di realizzazione lettararia. Un libro è un riflesso più o meno diretto, e più o meno contorto, più o meno alterato, della verità obbiettiva, e molto in un libro, anche all'insaputa dello... (continua)(continua a leggere)
    Elio Vittorini
    [Tag:libri, verità]
  • “Tutti i cosiddetti grandiuomini non sono che ragazzi. Hai letto il Memoriale di Sant'Elena? Vedi bene che Napoleone ragiona come noi ai tempi degli scioperi. Non c'è mai nelle sue parole qualcosa che ce lo lasci pensare per conto suo, chiuso nel gusto di una camera sua. Disgraziato, rimpiangeva i campi di battaglia, ed era in una situazione che...” (continua)(continua a leggere)
    Elio Vittorini
    [Tag:eroi, giovani]
  • “È in ogni uomo di attendersi che forse la parola, una parola, possa trasformare la sostanza di una cosa. Ed è nello scrittore di crederlo con assiduità e fermezza. È ormai nel nostro mestiere, nel nostro compito. È fede in una magia: che un aggettivo possa giungere dove non giunse, cercando la verità, la ragione; o che un avverbio possa...” (continua)(continua a leggere)
    Elio Vittorini
  • “La verità, voglio dire, non rischia niente a passare per un periodo di abbiezione: non il suo avvenire e nemmeno la sua gioventù. Quello che non deve mai venire meno è il nostro sforzo di intrattenerla, comunque, tra noi uomini.”
    Elio Vittorini
  • “E tutti a quel paese! Che sapevano essi della gloria d’un garofano rosso?”
    Elio Vittorini
    [Tag:ribellione]
  • “- Non bisogna piangere per nessuna delle cose che accadono.
    - Non bisogna piangere?
    -Se piangiamo accettiamo. Non bisogna accettare.”

    Elio Vittorini
  • “Perché, se non erano terribili, uccidevano? Perché, se erano semplici, se erano pacifici, lottavano? Perché, senza aver niente che li costringesse, erano entrati in quel duello a morte e lo sostenevano?”
    Elio Vittorini
    [Tag:guerra, soldati]
  • “Ogni morto di fame è un uomopericoloso.”
    Elio Vittorini
In evidenza