Frasi di Igor Sibaldi

Immagine di Igor Sibaldi
Identikit e dati anagrafici
Nome
Igor
Cognome
Sibaldi
Nato
15 giugno 1957
Sesso
maschile
Nazionalità
italiana
Professione
scrittore
Segno zodiacale
Gemelli
Acquista libri di Igor Sibaldi su
Frasi, citazioni e aforismi di Igor Sibaldi
14 in italiano
Tutte le frasi di Igor Sibaldi
  • “Chi trasforma le proprie paure in alleati comincia d’un tratto a procedere di vittoria in vittoria. ”
    Igor Sibaldi
    [Tag:paura, vittoria]
  • “Ciò che temi o detesti è ciò che ancora non conosci, non hai scoperto, e di cui ancora non ti sei accorto: e non è negli altri, ma in te; è un’area buia che tu proietti da dentro.”
    Igor Sibaldi
  • Energia è la capacità di un sistema di modificare lo stato di un altro sistema con il quale interagisce.”
    Igor Sibaldi
  • “Causa di ogni cosa è il suo scopo.”
    Igor Sibaldi
  • “Altrove credere significa ritenere vere cose che appaiono meravigliose; nell’ebraismo e nel cristianesimo, si crede che molte cose scritte nella Genesi siano incomprensibili e che vada bene così.”
    Igor Sibaldi
  • “Così avviene ovunque YHWH agisca: il suo compito è consolidare ciò che il Divenire crea.”
    Igor Sibaldi
  • “Nessuno è più libero e sano di chi è più di se stesso e riesce a vedere il proprio «io» come se fosse un altro.”
    Igor Sibaldi
  • “Il magistero della Chiesa avrebbe subìto un duro colpo se la traduzione della Genesi dall’ebraico avesse dimostrato che la teologia cristiana era partita male.”

    Igor Sibaldi
  • “E' tipico delle menti razionali diffidare di tutto ciò che i loro criteri non riescono a spiegare.”
    Igor Sibaldi
  • “Ogni tua dote non adoperata diviene un tuo intralcio.”
    Igor Sibaldi
    [Tag:ostacoli, talento]
  • “Nulla di vero può dirsi dell’invisibile, che non valga anche per la nostra esperienza concreta.”
    Igor Sibaldi
  • “Chi ha dimenticato, chi non sa più di essere stato divorato da bambino, è divenuto soltanto un titano qualunque, divoratore di altri bambini.”
    Igor Sibaldi
  • “La mente antica non era così bisognosa di credenze. Riteneva, più semplicemente, che in ogni atto umano le cause fossero meno determinanti del fine, e che dunque anche l’atto della conoscenza dipendesse assai meno da quel che l’aveva preceduto, che non dal fine al quale mirava.”
    Igor Sibaldi
  • Terra e cielo, nell’uomo, sono rispettivamente ciò che l’uomo conosce e ciò che ancora non conosce di se stesso.”
    Igor Sibaldi
In evidenza