Frasi di Ramón Gómez de la Serna

Immagine di Ramón Gómez de la Serna
Identikit e dati anagrafici
Nome
Ramón
Cognome
Gómez de la Serna
Nato
5 luglio 1891 a Madrid
Morto
12 gennaio 1963 a Buenos Aires
Sesso
maschile
Nazionalità
spagnola
Professione
scrittore
Segno zodiacale
Cancro
Libri di Ramón Gómez de la Serna
Acquista libri di Ramón Gómez de la Serna su
Frasi, citazioni e aforismi di Ramón Gómez de la Serna
28 in italiano
Tutte le frasi di Ramón Gómez de la Serna
  • “Le foglie secche preparano la tisana dell'autunno.”
    Ramón Gómez de la Serna
    [Tag:autunno, foglie]
  • “Le banconote sono la carta assorbente del sudore del mondo.”
    Ramón Gómez de la Serna
    [Tag:denaro, fatica]
  • “Il tram approfitta delle curve per piangere.”
    Ramón Gómez de la Serna
    [Tag:autobus]
  • “Se uno conosce troppo se stesso, smette di salutarsi.”
    Ramón Gómez de la Serna
  • “I gabbiani nascono dai fazzoletti che si agitano alla partenza della nave.”
    Ramón Gómez de la Serna
    [Tag:gabbiani, partire]
  • “Quando si bacia una donna sugli occhi, sopra le palpebre, si prova una sconcertante tenerezza, come se si baciasse il petto di un passerotto inquieto, di pelle fine e delicata, e con un cuore caldo e palpitante.”
    Ramón Gómez de la Serna
  • “L'uomo che, parlando di un furto, afferma che è stato 'mal eseguito' è un poco ladro egli stesso. Meriterebbe due giorni di reclusione.”
    Ramón Gómez de la Serna
    [Tag:furto]
  • “I laghi sono le pozzanghere rimaste dopo il diluvio.”
    Ramón Gómez de la Serna
    [Tag:paesaggio]
  • “Ciò che più inorgoglisce la forchetta è battere uova, giacché è un favore extra che non rientra nei suoi doveri.”
    Ramón Gómez de la Serna
    [Tag:cucinare]
  • “Nulla torna, ma tutto si somiglia.”
    Ramón Gómez de la Serna
    [Tag:tempo]
  • “Mercoledì: giorno lungo per definizione.”
    Ramón Gómez de la Serna
    [Tag:mercoledì]
  • “Il crepuscolo è l'aperitivo della notte.”
    Ramón Gómez de la Serna
    [Tag:crepuscolo]
  • “Ci sono certe pastiglie di farmacia che ci curano, se non altro, dalla tristezza di aver perso tanti bottoni della biancheria intima.”
    Ramón Gómez de la Serna
  • “Russare è sorbire rumorosamente minestra di sogni.”
    Ramón Gómez de la Serna
    [Tag:dormire, rumore, sogni]
  • “La cosa più importante della vita è non esser morto.”
    Ramón Gómez de la Serna
    [Tag:morire, vivere]
  • “Il primo bacio è un furto.”
    Ramón Gómez de la Serna
    [Tag:bacio, rubare]
  • “Il regalo più gradito al mondo non è un grosso brillante, ma una lima nella cella.”
    Ramón Gómez de la Serna
     
  • “Un secondo è un secolo in miniatura.”
    Ramón Gómez de la Serna
    [Tag:tempo]
  • “Quel che difende le donne è che pensano che tutti gli uomini siano uguali, mentre ciò che perde gli uomini è che credono che tutte le donne siano diverse.”
    Ramón Gómez de la Serna
  • “Quella donna mi ha guardato come si guarda un taxi libero.”
    Ramón Gómez de la Serna
    [Tag:donne, sguardo]
  • Leggi e pensa, che per non pensare hai dei secoli.”
    Ramón Gómez de la Serna
    [Tag:leggere, pensare]
  • “La medicina si offre di curare tra cent’anni quelli che stanno morendo adesso.”
    Ramón Gómez de la Serna
  • “Non bisogna lasciare le forbici aperte perché potrebbero tagliare il filo del destino.”
    Ramón Gómez de la Serna
    [Tag:destino]
  • “Le parentesi cadono dalle ciglia di chi scrive.”
    Ramón Gómez de la Serna
    [Tag:ciglia, scrivere]
  • “La lucertola è la spilla dei muretti.”
    Ramón Gómez de la Serna
    [Tag:animali]
  • “Se si potesse sfruttare la noia disporremmo della più potentefonte di energia.”
    Ramón Gómez de la Serna
    [Tag:energia, noia]
  • “I seni sotto il chiaro di luna sono come pieni
    Di qualche cosa più bianca del latte che goccia
    Da certi rami strappati, più bianca della luna, di
    Qualche cosa che non è più ciò che essi hanno
    Rapito alla luna, così come ciò che è nel miele non
    È più quel che era nei fiori… miele di luna!”

    Ramón Gómez de la Serna
    [Tag:sensualità]
  • “L’amore nasce dal desiderio improvviso di rendere eterno il passeggero.”
    Ramón Gómez de la Serna
In evidenza