Addio alle armi

  • “Tutti gli uomini che ragionano sono atei.”
    Ernest Hemingway
  • “Il mondo spezza tutti quanti e poi molti sono forti nei punti spezzati. Ma quelli che non spezza li uccide. Uccide imparzialmente i molto buoni e i molto gentili e i molto coraggiosi. Se non siete fra questi potete esser certi che ucciderà anche voi, ma non avrà una particolare premura.”
    Ernest Hemingway
  • “No. È il grande inganno, la saggezza dei vecchi.
    Non diventano saggi.
    Diventano attenti.”

    Ernest Hemingway
  • “Ma accorgersi che si era capaci di inventare qualcosa; di creare con abbastanza verità da esser contenti di leggere ciò che si era creato; e di farlo ogni giorno che si lavorava, era qualcosa che procurava una gioia maggiore di quante ne avessi mai conosciute. Oltre a questo, nulla importava.”
    Ernest Hemingway
  • “Questo si faceva. Si moriva. Non si sapeva di cosa si trattasse. Non si aveva mai il tempo di imparare. Si veniva gettati dentro e si sentivano le regole e la prima volta che vi acchiappavano in fallo vi uccidevano.”
    Ernest Hemingway
    [Tag:guerra, soldati]
  • “Il fatto che il libro fosse tragico non mi rendeva infelice perché ero convinto che la vita è una tragedia e sapevo che può avere soltanto una fine. ”
    Ernest Hemingway
    [Tag:opinioni]
  • “Solo nella sconfitta si diventa cristiani.”
    Ernest Hemingway
  • “«Non credo più alla vittoria.» «Neanch’io. Ma non credo alla sconfitta. Anche se sarebbe meglio.» «A che cosa crede?» «Al sonno» dissi.”
    Ernest Hemingway
  • “Potevamo sentirci soli mentre eravamo insieme, soli contro gli altri. Mi è capitato così soltanto una volta. Sono stato solo mentre ero con molte ragazze e questo è il modo in cui si può essere più soli. Ma noi non eravamo mai soli e non avevamo mai paura quando eravamo insieme. So che la notte non è come il giorno: che tutte le cose sono...” (continua)(continua a leggere)
    Ernest Hemingway
  • “Mandai un ragazzino a cercare una bottiglia di cognac ma ritornò a dirmi che c’era soltanto grappa. Gli dissi di prenderla e quando arrivò gli regalai gli spiccioli e il mio vicino e io ci ubriacammo e dormimmo fin dopo Vicenza dove mi svegliai e vomitai a lungo per terra.”
    Ernest Hemingway
  • “Non sono molto capace di amare. «Sì» disse. «È capace. Quello che mi racconta delle sue notti. Quello non è amore. Quello è soltanto passione e lussuria. Quando si ama si desidera fare qualcosa. Si desidera sacrificarsi. Si desidera servire».”
    Ernest Hemingway
  • “Avevo bevuto una quantità di vino e poi caffè e Strega e spiegavo, pieno di vino, come noi non facciamo mai le cose che desideriamo; non le facciamo mai.”
    Ernest Hemingway
    [Tag:alcool, discutere]
In evidenza