Frasi di Giuseppe Rensi

Immagine di Giuseppe Rensi
Identikit e dati anagrafici
Nome
Giuseppe
Cognome
Rensi
Nato
31 maggio 1871
Morto
14 febbraio 1941
Sesso
maschile
Nazionalità
svizzera
Professione
filosofo, avvocato
Segno zodiacale
Gemelli
Acquista libri di Giuseppe Rensi su
Frasi, citazioni e aforismi di Giuseppe Rensi
14 in italiano
Tutte le frasi di Giuseppe Rensi
  • “La religiosità e il vizio, insieme, sono l'indice che la vitasociale è diventata così triste e cattiva da non essere più tollerabile e da richiedere quindi una forma di stordimento, lo stupefacente vino o cocaina, o la stupefacente religione, che giovi a farci deviare l'attenzione da essa e a farci riporre, in un modo o nell'altro, fuori di...” (continua)(continua a leggere)
    Giuseppe Rensi
  • “L'indice se uno ha incorporato e rivive in sé profondamente il senso e l'idealeclassico, è, per me, quello di non poter sopportare la lettura del Nuovo Testamento, di sentirne una ripugnanza insormontabile come per un amalgama informe di squilibri mentali, aberrazioni, superstizioni, rapimenti e trasporti psichici, svenevolezze sentimentali e...” (continua)(continua a leggere)
    Giuseppe Rensi
    [Tag:disgusto, vangelo]
  • “Ogni religione è dimostrata falsa dalla stessa religione; cioè o dalla religione successiva o da altre contemporanee. Tutte dunque sono false.”
    Giuseppe Rensi
  • “L'ateismo è una religione; perché l'essenza di questa sta nel preoccuparsi della realtà ultima, nel pensiero diretta a questa, in una affermazione intorno a questa nella quale sentiamo di racchiudere il nostro maggiore interesse mentale, e, quasi a dire, di porre in giuoco o decidere il nostro destino.”
    Giuseppe Rensi
    [Tag:ateismo]
  • “Solo l'ateismo è puro e pio, solo l'ateismo è la grande vera religione.”
    Giuseppe Rensi
    [Tag:ateismo, purezza]
  • Negare l'ateismo è cadere nell'allucinazione, nella pazzia, nella mentalità crepuscolare dei bambini e dei selvaggi, incapaci di distinguere l'è dal non è.”
    Giuseppe Rensi
    [Tag:ateismo, pazzia]
  • “Non solo Dio in linea di fatto non è, ma appunto perché il suo concetto è contraddittorio, è, altresì, in linea per così dire, di diritto di logica, impossibile e assurdo soltanto pensare o supporre che sia. In altre parole, ancora una volta, per pensare che Dio sia − vale a dire per pensare che esista ciò il cui concetto contraddice se stesso −...” (continua)(continua a leggere)
    Giuseppe Rensi
    [Tag:dio]
  • “La credenza nell'immortalitàumana è il più scandalosamente piatto e ridicoloprodotto della concezione antropomorfica. Se credi, se sai, se vedi, che una formica, un gatto, un cane, quando morti sono distrutti per sempre, quale enorme sciocchezzacredere che avvenga diversamente per l'uomo.”
    Giuseppe Rensi
  • “O Dio è limitato, circoscritto, conforme alle condizioni formali dall'esperienza, oggetto fra oggetti, e non è più Dio. O è l'infinito e allora cade fuori dall'Essere, è non Essere. O Essere e non-Dio, o Dio e non-Essere.”
    Giuseppe Rensi
  • Di colui che non crede nella transustanziazione, nella divinità e nella resurrezione di Cristo, nella Vergine e nei Santi, si dice da tutti "non crede; è pazzo!". − Il non accettare la pazzia creduta da tutti, ciò appunto diventa pazzia.
    Giuseppe Rensi
    [Tag:credente, dogma, fede]
  • “Dio e il Nulla sono sinonimi.”
    Giuseppe Rensi
    [Tag:dio, nulla]
  • Da trenta secoli si "dimostra" Dio, e non solo ancora non ne sono persuasi tutti, ma anzi i non persuasi sono cresciuti di numero. Ciò non vi dice nulla?
    Giuseppe Rensi
    [Tag:ateismo, dio]
  • “Occorre limitarsi a sorridere bonariamente della superstizione saldamente regnante che c'è, senza indignarsi né sforzarsi di combatterla, consci che ciò sarebbe inutile, perché la vita dell'umanità non ha mai dato altro spettacolo che questo: una ridicola superstizione dall'immensa maggioranza ravvisata con assoluta certezza e ardente...” (continua)(continua a leggere)
    Giuseppe Rensi
  • “Veramente, come con efficace scorcio lirico ci rappresenta Nietzsche, Dio è morto per le sue contraddizioni.”
    Giuseppe Rensi
In evidenza