Altair

Libro Altair
Titolo: Altair
Autore:Davide Amante
Anno di prima pubblicazione: 2014
Acquista questo libro su
Altri libri dell'autore
  • Navigare a vela con Altair era per me essenzialmente il desiderio di raggiungere la linea dell’orizzonte, nel viaggio verso quella linea avevo trovato la mia appartenenza al mare, al vento e ai cieli.”
    Davide Amante
  • “L’isola d’Elba attendeva in mezzo al mare, sospesa su soffici nuvole di primavera nel suo mondo di leggerezza e calde superficialità. Era regolata dai venti, l’Elba: con lo scirocco, nervosa e aggressiva, mollemente adagiata fra camicie di cotone hawaiane che si riempivano di aria e cielo, nelle spiagge lungo il mare e fra le vie dei paesi; con...” (continua)(continua a leggere)
    Davide Amante
    [Tag:isola, vento]
  • “In certi luoghi, la superficie del mare era molto vicina al cielo stellato e sotto quei cieli c’era l’immensa possibilità che la vita può dare a un uomo.”
    Davide Amante
  • “A Bonifacio la magia era una fatto tangibile, aveva una sua consistenza, perché era spinta dai grandi venti di maestrale provenienti dal Golfo del Leone. Ma aveva le sue necessità da queste parti, perfino essa, per poter essere apprezzata richiedeva un certo anticonformismo di pensieri e comportamenti e richiedeva che si accettasse...” (continua)(continua a leggere)
    Davide Amante
  • “Per molti mesi a bordo di Altair mi ero abituato a guardare il cielo per capire l’andamento dei venti e quali vele usare, mentre ora la gente intorno a me non guardava mai in alto e sembrava sentirsi protetta dalla città. Ma per me l’unicaprotezionepossibile erano i lunghi cieli, gli stessi cieli selvatici che i delfini percorrevano dall’alba...” (continua)(continua a leggere)
    Davide Amante
  • “Ogni volta, nelle notti irrequiete d’ottobre, ho guardato la linea dell’orizzonte confondersi con il mare e, come tutti i vagabondiinnamorati dell’orizzonte, ho visto il ritmo incessante della vita.”
    Davide Amante
    [Tag:esistenza, mare]
  • Pazzi, incompleti vagabondi con lo sguardo sull’orizzonte come me, costantemente in movimento verso destinazionidiverse, attraversatori della notte, consapevoli che non esiste alcun giro del mondo, che non esiste alcuna lunga navigazione verso luoghi distanti, e non esiste neppure alcun mare ma soltanto l’intensa e inevitabile vita che continua...” (continua)(continua a leggere)
    Davide Amante
  • “Uno scoglio è un luogo che non ha confini. Appartiene al mare. E appartiene ai sogni di chi sa sognare.”
    Davide Amante
In evidenza