Scrivete un best seller. Regole e tecniche della narrazione

Libro Scrivete un best seller. Regole e tecniche della narrazione
Titolo: Scrivete un best seller. Regole e tecniche della narrazione
Titolo originale: Scrivete un bestseller
Autore:Renato Di Lorenzo
Anno di prima pubblicazione: 2012
Acquista questo libro su
  • “Il vostro eroe deve soffrire, e non importa che tipo di sofferenza sia: può soffrire per amore, perché gli sparano, perché sta male o perché si sente inutile… Scegliete pure il tipo di sofferenza, ma che soffra! E, cosa ancor più importante, deve soffrire fino all’ultimo. Solo all’ultimo potrete avere pietà e potrà esserefelice, avendo risolto...” (continua)(continua a leggere)
    Renato Di Lorenzo
  • “Devono essere i fatti che accadono a generare nel lettore le emozioni, non la vostra reazione a quegli stessi fatti.”
    Renato Di Lorenzo
  • “Un modo per arricchire un personaggio, per dargli spessore, è quello di far parlare di lui altri differenti personaggi: ognuno avrà il suo modo di vederlo e di considerarlo.”
    Renato Di Lorenzo
  • “Dovete amare svisceratamente ciò che state scrivendo. Se uno non piange, non ride, né si spaventa per quello che sta scrivendo, o addirittura ciò che scrive non gli piace più di tanto, come può pretendere che questo accada nel lettore? Partecipare fortemente di ciò che si scrive non garantisce di riuscire a creare un libro di valore, ma non...” (continua)(continua a leggere)
    Renato Di Lorenzo
  • “Un buon editor (che siate voi stessi o un altro) riduce all’osso la vostra prosa. Taglia tutto quello che può tagliare, in modo che l’attenzione non sia distratta da parole inutili.”
    Renato Di Lorenzo
  • “Se il narratore non suscita emozioni in chi legge, questi chiuderà il libroannoiato, lo metterà via, e sarà un lettore in meno per il vostro secondolibro, vi sarete privati di qualcuno che va in giro a dire che ha letto un libro bellissimo.”
    Renato Di Lorenzo
  • “Per comunicare il massimo è necessario usare il minor numero di parolepossibili, e non il contrario.”
    Renato Di Lorenzo
  • La curiosità del lettore deve sorgere fin dall’inizio, fin dalle prime – critiche – cinque pagine. La suspense introdotta nelle primissime righe della fiction si chiama hook (uncino, amo) e serve ad “avvinghiare” a voi il lettore, renderlo vostro “schiavo”.
    Renato Di Lorenzo
  • “Il lettore sarà in tensione solo se il pericolo è corso da un personaggio per il quale prova affetto.”
    Renato Di Lorenzo
    [Tag:ansia, eroi, lettori]
  • “Il compito dello scrittore, il motivo per cui i suoi libri vengono acquistati, è fornire al lettore un’esperienza superiore a quella che egli sperimenta nella vita di tutti i giorni. ”
    Renato Di Lorenzo
  • “Quel che si scrive deve essere la punta dell’iceberg: la parte più massiccia dell’iceberg non ha bisogno di essere scritta.”
    Renato Di Lorenzo
    [Tag:regole, scrivere]
  • “Dovete dare al lettore una scossa: lui la cerca nei libri e la detesta nella vita; questa è in gran parte l’essenza della fiction.”
    Renato Di Lorenzo
  • “Per suscitare le emozioni del lettore e non condizionarlo in questo processo essenziale, bisogna togliere dal testo tutte le intrusioni dell’autore.”
    Renato Di Lorenzo
  • “La buona scrittura si suppone che evochi sensazioni nel lettore, non il fatto che stia piovendo, ma il fatto che ci stia piovendo addosso.”
    Renato Di Lorenzo
  • “Ciò che emoziona non è quello che l’autore pensa dei fatti che sta descrivendo, ma sono i fatti in se stessi.”
    Renato Di Lorenzo
  • “È importante scrivere di argomenti che vi interessano profondamente, di cui siete preoccupati o contenti, che muovono le vostre stesse sensazioni prima ancora di quelle del lettore. Molti sfuggono a questo dovere di onestà nei confronti del lettore.”
    Renato Di Lorenzo
  • “Con la parola suspense intendiamo una concatenazione degli eventi e delle parole tale da far sì che il lettore non smetta mai di domandarsi cosa succederà dopo. Se questo non avviene, il romanzo è un fallimento.”
    Renato Di Lorenzo
  • “Se il suo scopo è suscitare emozioni, deve evitare qualunque intervento che distragga il lettore e fermi il processo, e questo accade normalmente quando nella narrazione si inseriscono informazioni.”
    Renato Di Lorenzo
In evidenza