Frasi di Almudena Grandes

Immagine di Almudena Grandes
Identikit e dati anagrafici
Nome
Almudena
Cognome
Grandes Hernández
Pseudonimo
Almudena Grandes
Nato
7 maggio 1960
Sesso
femminile
Nazionalità
spagnola
Professione
scrittore
Segno zodiacale
Toro
Libri di Almudena Grandes
Acquista libri di Almudena Grandes su
Frasi, citazioni e aforismi di Almudena Grandes
10 in italiano
Tutte le frasi di Almudena Grandes
  • “Nessun vicino aveva mai sentito la colonna sonora del terrore, grida, suppliche, l’eco sorda di un corpo che sbatte contro i mobili, le pareti. Tuttavia, tutti hanno sentito almeno una volta parole aspre, taglienti, espressioni di un disprezzo apparentemente banale, domestico, non vali niente, non so come faccio a sopportarti, sei una buona a...” (continua)(continua a leggere)
    Almudena Grandes
  • “Quando non sanno in che modo rispondere a qualche domanda compromettente, i romanzieri dicono che la vita è l'unico vero romanzo.”
    Almudena Grandes
    [Tag:scrittori]
  • “Forse non si può vivere sempre uguale, come se il tempo non potesse farci del male, come se la vita non cambiasse da sola, come se il mondo non stesse per crollarci addosso da un momento all'altro.”
    Almudena Grandes
    [Tag:cambiamento, vita]
  • “A volte le sillabe si contagiano reciprocamente di densità, finché l'insieme non acquista un peso insopportabile per chi le pronuncia, per chi le ascolta, finché le conversazioni non muoiono d'asfissia, schiacciate dalla forza di una sola parola.”
    Almudena Grandes
  • “Tutti accarezziamo nei nostri sogni qualche meta improbabile, disprezzando ostacoli che la veglia rivela alti come montagne coronate di nuvole davanti agli occhi di un bambino scalzo.”
    Almudena Grandes
    [Tag:sogni]
  • “Ho una casa, un lavoro, uno stipendio, fin troppo tempo libero, sono collegata alla rete, vado spesso al cinema. Ma dormo sola la notte. Ed è come non avere nulla.”
    Almudena Grandes
    [Tag:single]
  • “In Spagna, fino a trent’anni fa, i figli ereditavano la povertà, ma anche la dignità dei genitori, imparavano un modo di esserepoveri senza sentirsi umiliati, senza perdere la dignità e senza smettere di lottare per il futuro. Vivevano in un paese in cui la povertà non era motivo di vergogna, né tantomeno un pretesto per arrendersi.”
    Almudena Grandes
  • “Qualcuno ci disse che bisognava dimenticare, che futuro voleva diredimenticare tutto ciò che era successo. Che per costruire la democrazia era indispensabile guardare avanti, fare finta che qui non fosse mai successo niente. E dimenticando il male, noi spagnoli abbiamo finito per dimenticare anche il bene.”
    Almudena Grandes
  • “Noi che da bambini abbiamo imparato a baciare il pane, abbiamo in mente la nostra infanzia e ricordiamo l’eredità di una fame che ormai non conosciamo più, le disgustose omelette che ci facevano le nostre nonne per non buttare via l’uovo sbattuto che avanzava quando impanavano il pesce. Ma non ricordiamo la tristezza. La rabbia sì, le mascelle...” (continua)(continua a leggere)
    Almudena Grandes
  • “Gli anziani ora hanno meno paura. Ricordano tutto della loro gioventù e hanno impressi nella mente il freddo, i mutilati che chiedevano l’elemosina per la strada, i silenzi, il nervosismo che serpeggiava tra i loro genitori quando s’imbattevano in un poliziotto, e una vecchia abitudine ormai dimenticata che non hanno saputo o voluto trasmettere...” (continua)(continua a leggere)
    Almudena Grandes
In evidenza