Frasi di Bertolt Brecht

Immagine di Bertolt Brecht
Identikit e dati anagrafici
Nome
Eugen Berthold Friedrich
Cognome
Brecht
Pseudonimo
Bertolt Brecht
Nato
10 febbraio 1898 a Augusta
Morto
14 agosto 1956 a Berlino
Sesso
maschile
Nazionalità
tedesca
Professione
poeta, drammaturgo
Segno zodiacale
Acquario
Cenni biografici
Bertolt Brecht nacque il 10 febbraio 1898, in Germania. Iniziò a scrivere opere teatrali mentre lavorava in un ospedale militare. Il lavoro di Brecht si adattava bene con il movimento dadaista e marxista del tempo. La grande insoddisfazione per la società creatasi dopo la prima guerra mondiale entrava pienamente nelle opere anti-borghesi di Brecht. Fuggì dalla Germania nazista e si stabilì negli Stati Uniti fino alla fine della seconda guerra mondiale.
Acquista libri di Bertolt Brecht su
Frasi, citazioni e aforismi di Bertolt Brecht
91 in italiano
Tutte le frasi di Bertolt Brecht
  • “La loro guerra uccide
    Quel che alla loro pace
    è sopravvissuto.”

    Bertolt Brecht
    [Tag:guerra, pace]
  • “Tu chiedi che ne è di quell'amore?
    Questo ti dico: più non lo ricordo.”

    Bertolt Brecht
  • “Dove stanno grandi virtù, vuol dire che c'è qualcosa di marcio.”
    Bertolt Brecht
    [Tag:parlare, virtù]
  • “Troppo faticoso soccorrere me stesso e il prossimo.”
    Bertolt Brecht
    [Tag:bontà]
  • “Tutti cercano la fortuna che è alle spalle di chi corre.”
    Bertolt Brecht
    [Tag:fortuna]
  • “Il realismo non consiste in come sono le cose vere, ma in come sono veramente le cose.”
    Bertolt Brecht
    [Tag:realismo]
  • “Da quel giorno molte molte lune
    trascorsero nuotando per il cielo.”

    Bertolt Brecht
    [Tag:ricordi, tempo]
  • “Il fine del teatro è quello di divertire.”
    Bertolt Brecht
    [Tag:teatro]
  • “Terribile è la tentazione di fare del bene.”
    Bertolt Brecht
  • “Mi siedo al margine della strada.
    Il guidatore cambia la ruota.
    Non sono contento di dove vengo.
    Non sono contento di dove vado.
    Perché allora guardo il cambio della ruota con impazienza?”

    Bertolt Brecht
In evidenza