Geologia di un padre

Libro Geologia di un padre
Titolo: Geologia di un padre
Autore:Valerio Magrelli
Anno di prima pubblicazione: 2013
Acquista questo libro su
Altri libri dell'autore
  • “Gli specchi nei camerini dei negozi di abbigliamento andrebbero vietati per legge.”
    Valerio Magrelli
    [Tag:negozi, specchio]
  • “La bestemmia è una forma di preghiera, anzi, sta alla preghiera come la copula al corteggiamento.”
    Valerio Magrelli
  • “Avessi anch’io la sua grazia nell’equilibrare la fame di chi dentro di me si sporge e mi dilania!”
    Valerio Magrelli
  • “Noi siamo rimasti giovani, perché le giornate, i mesi divorati dalla Grande Colata Quotidiana, non possono produrreesperienza, ossia non ci fanno crescere, ma soltanto invecchiare.”
    Valerio Magrelli
  • “Io sono legato a mio padre da un’ombra, dall’ombra che lo ha sempre incalzato. Una parte dell’ombra, una piccola parte di quel tossico, mi ha segnato, mi ha intaccato. Non cosí a fondo come lui, ma di striscio, lasciandomi a metà stradarispetto al suo buio ipocondrio. Diciamo un monatto. Cosí mi riconosco – quasi salvo, ma ancora marchiato...” (continua)(continua a leggere)
    Valerio Magrelli
  • “Due strade alternative alla parola: se una era la musica, l’altra era il tatto.”
    Valerio Magrelli
    [Tag:musica, parole, tatto]
  • “Io ho 22 anni di Vita, piú trentatre di Merda da burocrazia, laboratori clinici, astanterie, ricerca di parcheggi, visitemilitari, e infine stampanti.”
    Valerio Magrelli
    [Tag:idea di sè]
  • “Il figlio come un filo che deve entrare nella cruna della propria crescita. Il padre come un filo che va sfilato.”
    Valerio Magrelli
    [Tag:generazione]
  • “Ecco da cosa sto scappando. Ormai sono contagiato, lo so bene, ma non voglio ripetere il suo errore, e soprattutto non voglio trasmetterlo ai miei figli. Anche perché capisco che quell’ira era soltanto una forma di sofferenza, una cancrena che finí per mangiargli il cuore. Ne venne fuori un vecchio acerbo, esacerbato, vulnerabile, uscito da un...” (continua)(continua a leggere)
    Valerio Magrelli
  • “La malattia accomuna gli individui, rendendoli indistinti rappresentanti di una classe (gli artrosici, i Parkinson). Nel suo caso il male costituí una breccia grazie alla quale penetrare nelle difese che per tutta la vita lo avevano protetto.”
    Valerio Magrelli
  • Desiderio di rievocarlo: perché? Forse perché mi manco. È come se soffrissi per la mia morte. Infatti, ai suoi occhi, il morto sono io. Io l’ho perso, nella stessa maniera in cui lui ha perso me. È come se avessi perso, per un lutto riflesso, una parte di me. E dunque mi compiango, molto piú di quanto non compianga lui. Mi guardo attraverso i...” (continua)(continua a leggere)
    Valerio Magrelli
    [Tag:figli, morte, padre]
  • “Almeno all’inizio, scoprirmi superiore a lui in qualcosa, me lo fece apparire fragilissimo, e soprattutto, per la prima volta, mi diede il senso della mia fragilità: non c’era piú nessuno a ripararmi, anzi, adesso ero io a dovermi prendere cura di qualcuno.”
    Valerio Magrelli
  • “Ecco la sciagurata formazione: i genitori avanti, i due figli sui sedili posteriori, a litigare per l’intera durata del viaggio.”
    Valerio Magrelli
In evidenza