Frasi di Ian McEwan

Immagine di Ian McEwan
Identikit e dati anagrafici
Nome
Ian
Cognome
McEwan
Nato
21 giugno 1948 a Aldershot
Sesso
maschile
Nazionalità
inglese
Professione
scrittore, sceneggiatore
Segno zodiacale
Gemelli
Libri di Ian McEwan
Acquista libri di Ian McEwan su
Frasi, citazioni e aforismi di Ian McEwan
19 in italiano
Tutte le frasi di Ian McEwan
  • “Se la vita era un sogno, allora la morte doveva essere il momento in cui ci si sveglia.”
    Ian McEwan
    [Tag:morte, vita]
  • “La gente non riesce a vedere che cosa ti sta passando nel cervello, la cosa migliore per farsi capire è dirglielo.”
    Ian McEwan
  • “Peter si ritrovò da solo ai margini del cortile. Guardando, chiunque avrebbe visto un bambino vicino al muro che fissava lo sguardo nel vuoto, senza fare niente. In realtà, Peter pensava molto intensamente.”
    Ian McEwan
  • Lavorare al Pronto soccorso è come prendere lezioni di misantropia.”
    Ian McEwan
  • “Peter finí per convincersi che la sua vita fosse probabilmente soltanto un sogno.”
    Ian McEwan
    [Tag:convinzioni, vita]
  • “Uno moriva, il sogno era finito, e ci si svegliava. Ecco perché la gente parlava di paradiso.”
    Ian McEwan
    [Tag:morte, paradiso]
  • “Volevo personaggi in cui potessi credere e volevo provarecuriosità per ciò che avrebbero vissuto.”
    Ian McEwan
  • “La problematicità crescente della condizione moderna deriva dal progressivo espandersi del cerchio di compassionemorale.”
    Ian McEwan
  • Leggere è il mio modo di non pensare alla matematica. Piú ancora, è il mio modo di non pensare.”
    Ian McEwan
    [Tag:leggere, pensare]
  • “A diciassette anni io e le mie amiche eravamo timidamente e gioiosamente ribelli, ma facevamo i compiti, studiavamo a memoria e snocciolavamo verbi irregolari, equazioni e moventi dei personaggi letterari. Ci piaceva pensarci cattive ragazze, ma di fatto eravamo piuttosto innocue.”
    Ian McEwan
  • “Il cervello è davvero un oggetto dalla filigrana così delicata che qualsiasi falsomutamento nello stato emotivo è in grado di trasformare la condizione di altri milioni di circuiti inconsci.”
    Ian McEwan
  • “Nei nostri modi c’è sempre una traccia di contrizione, un impulso educato alla deferenza.”
    Ian McEwan
  • “Come si può comprendere la vita interiore di un personaggio, reale o fittizio che sia, se non si conosce lo stato delle sue finanze?”
    Ian McEwan
  • “L’amore non cresce in modo regolare, procede per onde, a scatti, a balzi scomposti.”
    Ian McEwan
    [Tag:amore]
  • “Man mano che invecchio sento crescere la mia ostilità verso qualsiasi religione, anche moderata. Cosa significa avere fede, se non credere in ciò che non ha fondamento? C'è chi tenta di conciliare scienza e religione dicendo che appartengono a sfere diverse e non si escludono a vicenda. Non è vero: le credenzereligiose sono spiegazioni del...” (continua)(continua a leggere)
    Ian McEwan
  • “Non occorreva una morale. Le era sufficientemostrarementidiverse al lavoro, menti non meno vive della sua e in lotta con la presenza di altri cervelli. Soltanto una storia permetteva di entrare in più di una testa e dimostrare come ciascuna avesse egualevalore. Ecco l’unicamorale di cui un racconto aveva bisogno.”
    Ian McEwan
  • “L’alba, evento perlopiú rurale che in città si trasforma in semplice astrazione.”
    Ian McEwan
    [Tag:alba, campagna, città]
  • “Chi vuole perdersi in fantasie dovrebbe farlo in solitudine.”
    Ian McEwan
  • “Il cervello è davvero un oggetto dalla filigrana così delicata che qualsiasi falsomutamento nello stato emotivo è in grado di trasformare la condizione di altri milioni di circuiti inconsci.”
    Ian McEwan
In evidenza