Frasi di Salvatore Settis

Immagine di Salvatore Settis
Identikit e dati anagrafici
Nome
Salvatore
Cognome
Settis
Nato
11 settembre 1941
Sesso
maschile
Nazionalità
italiana
Professione
archeologo, storico dell'arte
Segno zodiacale
Vergine
Libri di Salvatore Settis
Acquista libri di Salvatore Settis su
Frasi, citazioni e aforismi di Salvatore Settis
14 in italiano
Tutte le frasi di Salvatore Settis
  • “Bene comune” vuol direcoltivare una visione lungimirante, vuol dire investire sul futuro, vuol dire preoccuparsi della comunità dei cittadini, vuol dire anteporre l’interesse a lungo termine di tutti all’immediato profitto dei pochi, vuol dire prestare prioritaria attenzione ai giovani, alla loro formazione e alle loro necessità. Vuol dire... (continua)(continua a leggere)
    Salvatore Settis
  • “Lo Stato siamo noi, se nella Costituzione sapremo riconoscere un manifesto per il bene comune. Un manifesto già pronto: se vi stiamo ricorrendo cosí poco è perché ne stiamo dimenticando le origini, la forza e lo statuto supremo, al vertice dell’ordinamento.”
    Salvatore Settis
  • “In Italia stiamo costruendo un castello di carta finanziario basato sulla cartolarizzazione del debito.”
    Salvatore Settis
  • “L’individualismo batte l’altruismo all’interno di un gruppo, ma i gruppi altruistici battono i gruppi dominati dall’individualismo.”
    Salvatore Settis
  • Da un lato lo sguardo cortissimo di chi crede lecito qualsiasi uso e abuso del mondo che “ci appartiene”, dall’altro uno sguardo lungimirante, la coscienza di aver ricevuto un’eredità e di doverla trasmettere, anzi migliorare.
    Salvatore Settis
  • I “beni comuni” (in senso patrimoniale) sono essenziali per il conseguimento del “bene comune” come valore.
    Salvatore Settis
  • “Il mercato non stabilisce né giustizia né eguaglianzademocrazia: al contrario, la cieca fede nel mercato ha eliminato dalla scena ogni dibattito pubblico sull’etica e sulla giustizia sociale, generando crescenti disuguaglianze.”
    Salvatore Settis
  • “Il degrado civile del Paese è firmato dalla destra, ma la sinistra ne condivide la responsabilità.”
    Salvatore Settis
    [Tag:crisi, italia, partiti]
  • “La pesante anomalia italiana è che ci siamo abituati a indignarci di meno perché avremmo robusti motivi per indignarci di piú. Le disuguaglianze evidenziate dalla crisi economica sono in Italia piú gravi che altrove. In questo regno della prevaricazione e dell’ingiustizia, ignorare i diritti costituzionali del cittadino è diventata la regola: e...” (continua)(continua a leggere)
    Salvatore Settis
  • Nel peculiare caso Italia, destra e sinistra sembrano essersi tacitamente accordate nell’identificare lo “sviluppo” col profitto dei pochi e non col bene di tutti.
    Salvatore Settis
  • “Forgiare idee e regole per il futuro richiede un tempo molto piú lungo dello spazio di una vita, anzi esige collaborazione non solo tra i vivi, ma anche tra i vivi, i morti e chi deve ancora nascere.”
    Salvatore Settis
  • “Lo spazio in cui viviamo (città e campagna) è prodotto dall’uomo perché è uno spazio sociale.”
    Salvatore Settis
  • “Il divorzio dalla realtà del Paese riguarda una gestione autoreferenziale del potere politico e delle istituzioni mirata non al bene comune, bensí alla perpetuazione del sistema e alla sopravvivenza di chi lo rappresenta.”
    Salvatore Settis
  • “Gravissimi gli effetti sull’ambiente di questa cieca invasione del territorio.”
    Salvatore Settis
In evidenza