Racconti e storie

Racconti e storie

Racconti e storie
In archivio 91 racconti e storie
  • Un filosofo, vedendosi avanti con gli anni e volendo assicurare un buon avvenire al suo unicofiglio, mandò a chiamare il più fidato dei suoi amici e gli fece questo breve discorso: "Amico mio, voglio confidarti che possiedo una considerevole somma di denaro. Tu sei più giovane di me, sei in buona salute e quindi, con ogni probabilità, mi... (continua)(continua a leggere)
    Diogene il Cinico
  • Una tigre aveva due seguaci: un leopardo e uno sciacallo. Ogni volta che la tigre azzannava una preda, lei mangiava quel che poteva e lasciava i resti al leopardo e allo sciacallo. Un giorno successe però che la tigre uccise tre animali: uno grosso, uno medio e uno piccolo. "E ora come li dividiamo?" chiese la tigre ai suoi due seguaci. ... (continua)(continua a leggere)
    Tiziano Terzani
  • C'era una volta un matematico che chiese a un barcaiolo di portarlo dall'altra parte del lago. Per attaccar bottone, domandò all'altro che remava:
    - "Sai tu la matematica?"
    - "No - arrossì il barcaiolo - non sono mai andato a scuola."
    - "Che peccato, metà della tua vita è andata perduta".
    Giunti in mezzo al lago, si scatenò un furioso temporale... (continua)
    (continua a leggere)
    Cesare Marchi
  • In una foresta una volpe incontra un coniglietto e dice:
    - "Ciao piccolo, cosa stai facendo?"
    - "Sto scrivendo una dissertazione su come i conigli mangino le volpi", dice il coniglio.
    - "Suvvia, amico coniglio, sai che è impossibile! Nessuno ti pubblicherà una simile scemenza!"
    - "Bene seguimi e te lo mostrerò".
    Vanno entrambi nella tana del... (continua)
    (continua a leggere)
    [Tag:filosofia, laurea]
  • “Una figlia si lamentava con suo padre circa la sua vita e di come le cose le risultavano tanto difficili. Non sapeva come fare per proseguire e credeva di darsi per vinta. Era stanca di lottare. Sembrava che quando risolveva un problema, ne apparisse un altro. Suo padre, uno chef di cucina, la portò al suo posto di lavoro. Lì riempì tre pentole...” (continua)(continua a leggere)
  • Al termine di dieci anni di apprendistato, Zenno pensava di poter già essere elevato alla categoria di maestro zen. In un giorno di pioggia, andò a trovare il famoso professore Nan-in. Mentre entrava nella casa di Nan-in, questi domandò: "Avete lasciato il vostro parapioggia e le vostre scarpe fuori?" "Ovviamente", rispose Zenno. "È ciò che... (continua)(continua a leggere)
    Paulo Coelho
    [Tag:agire, attenzione, zen]
  • Un uomo camminava nella foresta quando vide una volpe ferita. "Come può nutrirsi?", pensò. In quel momento, si avvicinò una tigre, con un animale fra i denti. Saziò la sua fame e lasciò alla volpe quanto era avanzato. "Se Dio aiuta la volpe, aiuterà anche me", rifletté l'uomo. Quindi tornò a casa, si chiuse dentro e rimase ad aspettare che i... (continua)(continua a leggere)
    Paulo Coelho
    [Tag:aiutare]
  • “Un uomo stava camminando nella foresta quando s'imbatté in una tigre. Si mise a correre tallonato dalla tigre. Giunto ad un precipizio, si afferrò alla radice di una vite selvatica e si lasciò penzolare. La tigre lo fiutava dall'alto. Tremando, l'uomo guardò giù, dove, in fondo all'abisso, un'altra tigre lo aspettava per divorarlo. Soltanto la...” (continua)(continua a leggere)
    Buddha
  • Un ragazzino provò un immenso dispiacere nel trovare la sua tartaruga a pancia all'aria, immobile e senza vita accanto allo stagno. Suo padre fece del suo meglio per consolarlo: "Non piangere, figliolo. Prepareremo un bel funerale per la signora Tartaruga; le costruiremo una piccola bara tutta foderata di seta e chiederemo al becchino di porre... (continua)(continua a leggere)
    George Ivanovitch Gurdjieff
    [Tag:delusioni]
  • La figlia del re, giocando con una delle sue cameriere, le guardò la mano, e dopo avervi contato le dita esclamò: "Come! Anche voi avete cinque dita come me?!" E le ricontò per sincerarsene.
    Nicolas Chamfort
  • “Due adolescenti stavano esplorando una grotta quando videro i segni della presenza di un orso e le sue impronte, in un tunnel. Decisero comunque di continuare a proseguire nella caverna, con molta cautela. Facevano brillare la luce delle loro torce in ogni angolo, avevano gli occhi e le orecchie ben aperti, nel caso avessero incontrato l'orso....” (continua)(continua a leggere)
    [Tag:corsa, salvezza]
  • “Si racconta che un giorno due studenti della Via stavano discutendo dell'essereumano. Il primo diceva: 'L'uomo perviene alla Verità attraverso la ricerca e gli sforzi personali. Dalla sua ignoranza iniziale, egli si eleva per gradi fino alla conoscenza.' Il secondo diceva: 'L'uomo perviene alla verità solo se è guidato da maestri esperti.' I...” (continua)(continua a leggere)
    George Ivanovitch Gurdjieff
    [Tag:verità]
  • “Si racconta che all'angolo di una via ci fosse un cieco che appeso al collo aveva un cartello con la scritta: 'Cieco dalla nascita.' Riceveva poche elemosine. Passò di lì un pubblicitario che gli modificò il cartello. Poiché le offerte fioccavano, il cieco, quando lo incontrò nuovamente, volle sapere cosa avesse scritto. 'Il messaggio è lo...” (continua)(continua a leggere)
    Jacques Seguelà
    [Tag:marketing]
  • Due giovanimonaci studiavano in seminario, ed entrambi erano incalliti fumatori. Il loro problema era: "Posso fumare mentre prego?" Non riuscendo a risolverlo, decisero di rivolgersi ai loro superiori. Più tardi, uno chiese all'altro che cosa gli aveva detto il superiore. "Sono stato rimproverato aspramente solo per aver parlato del fatto, -... (continua)(continua a leggere)
    Ramesh S. Balsekar
  • “Erano le Olimpiadi di Roma del 1960 e mi trovai, come sottosegretario, a mediare le richieste dei pescatori di cozze del golfo di Napoli che, essendo sede delle gare di regata velica, doveva essere temporaneamente interdetto alla pesca. La situazione che si presentò fu paradossale, perché da un lato i pescatori di cozze presentavano una...” (continua)(continua a leggere)
    Giulio Andreotti
  • “Un pastore sta pascolando il suo gregge di pecore su una collina lontana ed isolata quando all'improvviso vede avvicinarsi una BMW nuova fiammante che avanza lasciandosi dietro una nuvola di polvere. Il guidatore, un giovane McKinsey, in un eleganteabito di Armani, con scarpe Church e Rolex al polso, rallenta, si sporge dal finestrino dell'auto...” (continua)(continua a leggere)
  • Un corvo stava seduto su di un albero, senza far niente tutto il giorno. Un piccolo coniglio vide il corvo e gli chiese: "Posso sedermi anch'io come te senza far niente tutto il giorno?" Il corvo rispose: "Certo, perché no?" Così il coniglio si sedette alla base dell'albero e si riposò. All'improvviso apparve una volpe che saltò sul coniglio e... (continua)(continua a leggere)
    [Tag:manager, potere]
  • Due cavalli trasportavano due carichi. Il cavallo davanti andava bene ma quello dietro era pigro. L'uomo iniziò a impilare il carico del cavallo di dietro su quello davanti; quando l'ebbe trasferito tutto, il cavallo di dietro trovò più facile andare e disse al cavallo davanti: "Affaticati e suda! Più ci proverai e più patirai". Quando... (continua)(continua a leggere)
    Lev Tolstoj
  • Un uomo d'affari americano non sapendo cosa fare del proprio figlio, lo chiuse in una stanza con una Bibbia, una mela e un assegnobancario. Pensava: "Se lo ritroverò a leggere la Bibbia, ne farò un prete; se starà contemplando la mela, ne farò un agricoltore e se guarderà l'assegno ne farò un banchiere". Passato il tempo prefissato, e tornato... (continua)(continua a leggere)
    Arthur James Balfour
    [Tag:politici]
  • Un mercante arabo che aveva perduto mille denari disse a suo figlio: "Tieni per te questa triste notizia." "Padre - replicò il giovanotto - ti obbedirò, purché tu mi spieghi per qual motivo dobbiamo tacere la nostra sventura." "Affinché non ce ne siano due: la perdita del denaro e la gioia maligna dei vicini".
    Cesare Marchi
    [Tag:denaro, invidia]
  • “Due ragazze erano alla finestra della loro casa che dava su di un orto, e in quel mezzo uscì l'ortolano, vecchio e calvo, per mangiare; e avendolo visto deforme con la calvizie, gli chiesero se desiderava sapere il modo di far nascere i peli. Ed avendo risposto che ciò desiderava, dissero le giovani per giuoco che si lavasse il capo con l'urina...” (continua)(continua a leggere)
    Giovanni Francesco Poggio Bracciolini
    [Tag:calvizie, pene, pipì]
  • “Una principessa di un ricco stato dell'India bella e annoiata venne a sapere di un saggio che viveva in una grotta alle estreme propaggini del suo regno. Si diceva che quest'uomosanto avesse trovato la pace e la felicità nella sua vita austera di eremita. Nei villaggi alle falde della montagna dove viveva era tenuto in gran considerazione e si...” (continua)(continua a leggere)
    Mark Twain
    [Tag:cambiare, idee]
  • Un giorno, mentre stava piantando la vigna, Noè vide apparirgli il diavolo che si offrì di aiutarlo e sgozzò un agnello, col sangue del quale bagnò la zolla. "Questo significa - spiegò l’infernale aiutante - che chi berrà il vino con moderazione sarà mite come un agnello". Poi prese un leone, lo sgozzò e col suo sangue irrorò un’altra zolla. ... (continua)(continua a leggere)
    Cesare Marchi
    [Tag:bere, vino]
  • “C'era una volta un principe cui il padre aveva insegnato a credere a tutte le cose tranne a tre: non credeva all'esistenza di principesse, non credeva all'esistenza delle isole, non credeva all'esistenza di Dio. Un giorno, camminando sulla spiaggia, vide in mezzo al mare distese di terra su cui strane e inquietanti creature femminili si...” (continua)(continua a leggere)
    John Fowles
    [Tag:illusione, magia]
  • “Il prete del villaggio era un santo, tanto che tutte le volte che aveva bisogno di aiuto, la gente si rivolgeva a lui. Allora egli si ritirava in un angolo segreto della foresta e formulava una preghiera speciale. Dio non mancava mai di esaudire la sua supplica e tutto era risolto. Dopo la sua morte, la gente, quando aveva bisogno di aiuto,...” (continua)(continua a leggere)
    Anthony de Mello
    [Tag:dio, fede, preghiere]
  • “C'era un volta un uomosaggio che era abituato a passeggiare lungo la sponda dell'oceano prima di iniziare il suo lavoro di scrittore. Un giorno, mentre camminava sul bagnasciuga, intravide in lontananza una figuraumana che sembrava danzare. Sorrise tra sé, pensando che qualcuno stava salutando il nuovo giorno danzando, e accelerò il passo per...” (continua)(continua a leggere)
    Loren Corey Eiseley
    [Tag:cambiare, destino]
  • “Una volta, il padre di una famiglia ricca portò suo figlio in viaggio per la campagna col fermo proposito di far vedere al figlio come erano povere le persone che vivevano in campagna. Stettero un giorno e una notte in una fattoria di una famiglia di contadini molto umili. Alla fine del viaggio, durante il ritorno a casa, il padre domandò al...” (continua)(continua a leggere)
  • “A volte ci irritiamo per certe reazioni esagerate del nostro prossimo. Noi facciamo un piccolo commento, una battuta - ed ecco che l’altra persona scoppia a piangere o si ribella. Racconta una leggenda del deserto la storia di un uomo che doveva recarsi in un’altra oasi e cominciò a caricare il suo cammello. Caricò i tappeti, gli utensili della...” (continua)(continua a leggere)
    Paulo Coelho
    [Tag:sofferenza]
  • “Un esperto di time management, tenendo un seminario ad un gruppo di studenti, usò una dimostrazione che rimase per sempre impressa nelle loro menti. Per colpire nel segno il suo uditorio di menti eccellenti, propose un quiz, poggiando sulla cattedra di fronte a sé un barattolo di vetro, di quelli solitamente usati per la conserva di pomodoro....” (continua)(continua a leggere)
  • “C'era una volta un pover'uomo che chiedeva qualche spicciolo all'angolo di una strada. Era conosciuto da molti negozianti e passanti della zona come una persona mite e che non dava assolutamente alcun fastidio: si limitava con molta discrezione ad esporre il suo cappello ed un breve biglietto per raccontare la sua storia. Con regolarità passava...” (continua)(continua a leggere)
  • “C'era una volta un passerotto anticonformista che decise di non volare verso sud per l'inverno. Ma non appena cominciò a fare freddo, il passerotto cambiò idea e cominciò a volare con riluttanza verso sud. Dopo poco, cominciò a formarsi del ghiaccio sulle sue ali e cadde a terra quasi congelato nel cortile di una fattoria. Una mucca passò di lì...” (continua)(continua a leggere)
  • “Il vescovo diocesano concluse la sua visita pastorale con la celebrazione eucaristica del canone romano, dove egli si dichiarava a Dio: 'Con me indegno tuo servo...'. Il parroco ne prese buona nota e dal giorno appresso, in ogni preghiera eucaristica della Messa, esortava i fedeli a pregare 'per l'indegno nostro vescovo'. Arrivata la cosa alle...” (continua)(continua a leggere)
  • “C'era una volta un re che offerse un premio all'artista che avrebbe dipinto il miglior quadro raffigurante la pace. Molti artisti provarono. Il re esaminò tutti i quadri, ma ce n'erano solo due che realmente gli piacevano e dovette scegliere tra quelli. Uno raffigurava un lago quieto. Il lago era uno specchio perfetto, con delle pacifiche...” (continua)(continua a leggere)
    [Tag:pace, serenità]
  • “Un noto prelato, molto intransigente in 'remorali' verso gli altri, ma dalle abitudini licenziose e grossolane, confidava ai suoi amici particolari d'aver fatto 'voto d'omosessualità' per non trascendere ad andare a donne.”
  • “Un cavallodepresso si sdraia e non vuole più saperne di rialzarsi. Il fattore, disperato, dopo aver provato di tutto, chiama il veterinario. Questi, arrivato in loco, visita l'animale e dice al fattore: ‘Casi così sono gravi; l'unica è provare per un paio di giorni a dargli queste pillole: se non reagisce sarà necessario abbatterlo.’ Il maiale...” (continua)(continua a leggere)
    [Tag:destino]
  • Qualche tempo fa quando un gelato costava molto meno di oggi, un bambino di dieci anni entrò in un bar e si sedette al tavolino. Una cameriera gli portò un bicchiere d'acqua.
    - "Quanto costa una coppetta?" Chiese il bambino.
    - "Cinquanta centesimi". Rispose la cameriera. Il bambino prese delle monete dalla tasca e cominciò a contarle.
    - "Quanto... (continua)
    (continua a leggere)
  • “Un uomo si sentiva perennemente oppresso dalle difficoltà della vita e se ne lamentò con un famoso maestro di spirito. ‘Non ce la faccio più! Questa vita mi è insopportabile.’ Il maestro prese una manciata di cenere e la lasciò cadere in un bicchiere pieno di limpida acqua da bere che aveva sul tavolo, dicendo: ‘Queste sono le tue sofferenze.’...” (continua)(continua a leggere)
  • C'erano quattro fratelli che comprarono un asino da un vecchietto per cento dollari. Quando andarono a ritirare l'asino, si ebbe il seguente dialogo:
    "Mi dispiace ragazzi, ma l'asino è morto."
    "Bene, allora ci restituisca i nostri soldi."
    "Non posso, li ho già spesi."
    "Allora ci dia lo stesso l'asino."
    "E cosa ve ne fate di un asinomorto?"
    "Lo... (continua)
    (continua a leggere)
    [Tag:banche, banchieri]
  • “Due angeliviaggiatori si fermarono per passare la notte nella casa di una ricca famiglia... Era una famiglia di persone molto avare che si rifiutarono di far dormire i due angeli nella camera degli ospiti. Infatti concessero agli angeli solo un piccolo spazio fuori, sul duro e freddo pavimento del pergolato davanti alla casa. Mentre si...” (continua)(continua a leggere)
  • “Nelle terre del Rajastan c'era un regno dove vigeva un'usanza molto particolare: quella di abbandonare i propri anziani in un luogo remoto ed inaccessibile tra le montagne. Un Ministro di Corte trovò difficile rispettare l'usanza quando venne il momento di abbandonare il proprio genitoreanziano, che molto amava. Costruì così un nascondiglio...” (continua)(continua a leggere)
    [Tag:anziani]
  • Sul molo di un piccolo villaggio messicano, un turistaamericano si ferma e si avvicina ad una piccola imbarcazione di un pescatore del posto. Si complimenta con il pescatore per la qualità del pesce e gli chiede quanto tempo avesse impiegato per pescarlo.
    - "Non ho impiegato molto tempo." Risponde il pescatore messicano.
    - "Ma allora, perché... (continua)
    (continua a leggere)
  • “Un contadino cercava di sparare a un corvo che continuava a tornare su una torre situata sulla sua proprietà e a mangiare il suo grano: appena il contadino arrivava vicino alla torre con il suo fucile, l'uccello volava via, ma appena si allontanava, il corvo ritornava. Frustrato nei suoi tentativi di liberarsi del ladruncolo, il contadino aguzzò...” (continua)(continua a leggere)
    John David Barrow
    [Tag:corvo]
  • “Un matematico, un fisico e un ingegnere sono sottoposti a una prova di sopravvivenza, chiusi ciascuno in una stanza spoglia di tutto fuorché di un materasso, con una scatola di sardine sigillata e una forchetta. Dopo un mese di clausura, quando vengono riaperte le stanze, il fisico è morto appoggiato al muro su cui ha inciso, con la punta della...” (continua)(continua a leggere)
    Gabriele Lolli
  • “Sul fondo di un fiume, una classe di pesciolini ascoltava il maestro che spiegava il pericolo rappresentato dagli ami, e tutti disegnavano degli ami in modo da essere in grado di riconoscerli. Ebbene, uno dei pesciolini, annoiato da quella lezione, scivolò fuori dalla classe per andare a passeggio. Improvvisamente, scorse un piccolo verme che si...” (continua)(continua a leggere)
    Omraam Aivanhov
  • “Un monaco si lamentò con il suo maestro perché non riusciva a raggiungere il satori. 'La colpa è tua' gli rispose il maestro. 'In che cosa sbaglio? Che cosa mi manca?' domandò l'allievo. 'Vieni con me, e te lo mostrerò.' Il maestro chiamò un altro discepolo, che era cieco, e tutt'e tre si recarono sulla montagna, in un punto in cui uno stretto...” (continua)(continua a leggere)
  • “Un re ricevette come regalo due piccoli di falco e li consegnò al maestro di falconeria affinché li addestrasse. Passati alcuni mesi, il falconiere comunicò al re che uno dei falchi era stato perfettamente addestrato, che era pronto a volare e a cacciare per lui; però non capiva cosa succedeva all’altro falco che, dal giorno del suo arrivo a...” (continua)(continua a leggere)
  • “C'era una volta un maestro di lotta che conosceva 360 finte e mosse. Il maestro aveva particolarmente preso a benvolere uno dei suoi allievi al quale, nel corso del tempo, ne insegnò 359. Tuttavia, nonostante le insistenze del discepolo, rifiutò sempre di insegnargli la trecentosessantesima mossa. I mesi e gli anni passarono e il giovane divenne...” (continua)(continua a leggere)
    R. G. H. Siu
  • “Anthony Trollope scriveva romanzi gigamentali, e li sfornava con sorprendente regolarità. Scriveva per due ore e mezzo tutte le mattine prima di recarsi al lavoro. Se allo scoccare delle due ore e mezzo, era a metà di una frase, la lasciava incompleta fino al mattino dopo. E quando gli accadeva di finire uno dei suoi pesi massimi di seicento...” (continua)(continua a leggere)
    Stephen King Parlando di Anthony Trollope
  • “Un po' come nella mitologia accadde a Didone, ad un ingegnere, un informatico e un matematico viene offerto il possesso di un pezzo di terra, ma grande solo quanto riusciranno a cingere con una corda data. Il tentativo di ciascuno è allora di tracciare un cerchio molto grande, per potersi accaparrare più terra. L'informatico piuttosto...” (continua)(continua a leggere)
    Gabriele Lolli
    [Tag:matematico]
  • C'era una volta un piccolo uomo e conduceva una piccola vita, e un giorno incominciò a preparare una piccola valigia. Ed essi dissero: "Parti? E dove vai?" e lui disse: "Preparo la mia valigia e vado a Connemara". Ed essi dissero: "Vorrai dire che vai a Connemara, Dio permettendo". E lui disse: "Voglio dire che vado a Connemara". E così Dio lo... (continua)(continua a leggere)
    [Tag:ateismo]
In evidenza